Le più belle frasi e citazioni sulla lontananza tra le persone

Da Fëdor Dostoevskij a Bob Marley, da Khalil Gibran a Lana Del Rey, sono numerosi i personaggi illustri che hanno scritto di lontananza tra le persone e di come sentimenti come l’amicizia, l’affetto e l’amore possano esprimersi anche a distanza.
Gaia Cortese 13 Aprile 2020

Mai come di questi tempi, la lontananza dalle persone più care ci viene imposta per salvaguardare la nostra salute. Un periodo di isolamento (quello dovuto al coronavirus) che ci porta inevitabilmente a riflettere su diversi aspetti della vita, a rivalutare alcuni rapporti di amicizia e di amore, a sentirci improvvisamente molto vicini a chi in questo periodo non sceglie di sparire, ma al contrario, fa di tutto per "starti vicino".

"Eppure nonostante tutto, solo noi, sappiamo essere così lontanamente insieme".
Julio Cortázar

“La guerra, la vera guerra è questa: non l'odio che getta le persone l'una contro l'altra, ma soltanto la distanza che separa le persone che si amano”.
Pier Vittorio Tondelli

"È nella separazione che si sente e si capisce la forza con cui si ama".
Fëdor Dostoevskij

“Nessun luogo è lontano. Può forse una distanza materiale separarci davvero dagli amici? Se desideriessere accanto a qualcuno che ami non ci sei forse già?”.
Richard Bach

"Non si è mai lontani abbastanza per trovarsi".
Alessandro Baricco

"La distanza a volte consente di sapere che cosa vale la pena tenere e che cosa vale la pena lasciare andare".
Lana Del Rey

“I venti che a volte ci strappano qualcosa che amiamo, sono gli stessi che ci portano qualcosa che impariamo ad amare. Pertanto, non dovremmo piangere per qualcosa che ci è stato tolto, ma, sì, amare ciò che ci è stato dato. Perché ciò che è veramente nostro non se ne è mai andato per sempre”.
Bob Marley

"A volte più sono lontane, tanto più è semplice amare le persone”.
Nicola Zacchino

“Il metro di misura dell'amore? La lontananza".
Emanuela Breda

“Un amico lontano è a volte più vicino di qualcuno a portata di mano. È vero o no che la montagna ispira più riverenza e appare più chiara al viandante della valle che non all’abitante delle sue pendici?”.
Khalil Gibran