Mangiare pesce più volte la settimana può ridurre il rischio di malattie cerebrovascolari

Mangiare più pesce sembra essere un buon modo per ridurre il rischio di malattie cerebrovascolari, condizioni che possono portare a ictus o demenza, in particolare tra gli individui di età inferiore ai 75 anni. A dimostrarlo è stato uno studio pubblicato sulla rivista Neurology e condotto dai ricercatori dell’Università di Bordeaux.
Valentina Rorato 12 Novembre 2021
* ultima modifica il 12/11/2021

Mangiare bene fa bene alla salute. E no, non è un luogo comune né storia nota. Un recente studio pubblicato sulla rivista Neurology ha dimostrato che esiste un legame tra il consumo di pesce e un ridotto rischio di malattie cerebrovascolari – o malattie vascolari – che è la quinta causa di morte negli Stati Uniti ed è la seconda a livello mondiale.

"I nostri risultati sono entusiasmanti perché mostrano che qualcosa di semplice come mangiare due o più porzioni di pesce ogni settimana è associato a un minor numero di lesioni cerebrali e altri marcatori di danno cerebrale vascolare, molto prima che compaiano evidenti segni di demenza", afferma l'autore senior dello studio, la dottoressa Cecilia Samieri.

Lo studio

I ricercatori dell'Università di Bordeaux hanno analizzato i dati del Three City Study, un ampio studio sulla relazione tra malattie vascolari e demenza. In totale, sono state prese in considerazione 1.623 persone di età superiore ai 65 anni. I partecipanti sono stati esclusi se avevano una diagnosi di demenza, storia di ictus o erano stati ricoverati in ospedale per malattie cardiovascolari.

Gli esperti, inoltre, hanno utilizzato le scansioni MRI del cervello per valutare l'entità del danno cerebrovascolare. Hanno poi analizzato le scansioni alla ricerca di anomalie nella sostanza bianca, che consiste in fibre nervose che trasmettono messaggi tra le aree del cervello. Il lavoro ha compreso anche l’esame delle scansioni MRI per gli infarti (area di tessuto morto derivante da uno scarso apporto di sangue) e l'allargamento degli spazi perivascolari (spazi pieni di liquido che circondano i vasi sanguigni). Ciascuno di questi fattori predice l'entità del declino cognitivo correlato alla malattia cerebrovascolare.

I partecipanti allo studio hanno compilato questionari sulla loro dieta, che includevano informazioni sulla frequenza con cui mangiavano pesce. L'intero gruppo, in media, ha consumato pesce due volte a settimana. In dettaglio, l'11% ha ammesso di  mangiarlo meno di una volta a settimana, il 37% circa una volta a settimana, il 47% due o tre volte a settimana e il 6% quattro o più volte alla settimana. Complessivamente, l'8% dei partecipanti ha avuto infarti nascosti e il 6% ha avuto spazi perivascolari dilatati gravi. Del volume complessivo della sostanza bianca, il 2% proveniva da iperintensità.

I ricercatori hanno scoperto che tra le persone che non mangiavano pesce, il 31% aveva marcatori di una grave malattia vascolare cerebrale sottostante, rispetto al 23% di coloro che mangiavano tre porzioni a settimana e al 18% di coloro che mangiavano quattro o più porzioni di pesce a settimana. Questa associazione tra minor consumo di pesce e maggiore gravità dei marker di malattia vascolare cerebrale era indipendente da eventuali differenze nei volumi del cervello e da altre variabili come età e sesso.

Quando hanno esaminato l'età, i ricercatori hanno trovato associazioni più forti per i giovani, ma nessuna associazione per le persone di età pari o superiore a 75 anni. Nelle persone più giovani di età compresa tra 65 e 69 anni, per le quali il pesce era più fortemente associato a malattie cerebrali, il consumo di pesce due o tre volte alla settimana era approssimativamente equivalente, nella direzione opposta, all'effetto di avere la pressione alta. Il consumo di pesce quattro o più volte alla settimana ha avuto il doppio di questo effetto.

Oltre a mangiare pesce, è stato segnalato che mantenere una dieta sana, fare esercizio fisico regolarmente e smettere di fumare può ridurre il rischio di malattie vascolari.

Fonte | “Fish Intake and MRI Burden of Cerebrovascular Disease in Older Adults” pubblicato su Neurology il 3 novembre 2021.

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.