Puoi assumere farmaci dopo aver fatto il vaccino?

Negli ultimi mesi abbiamo sentito parlare sono degli effetti indesiderati più gravi dei vaccini contro Sar-CoV-2, ma come facciamo a contrastare gli effetti avversi leggeri? Quali sono i farmaci che non devono mancare in casa quando so che devo andare a fare il vaccino? Ricordati che queste reazioni anche se fastidiose e debilitanti sono di breve durata.
Dott.ssa Chiara Speroni Dottoressa in Farmacia
12 Maggio 2021 * ultima modifica il 12/05/2021

Nell’ultimo periodo siamo circondati da tantissime notizie inerenti il mondo dei vaccini. Ma sappiamo veramente cosa sia un vaccino e perché sia così importante? E quali possano essere le reazioni avverse che possono verificarsi? (Trombi a parte). Posso assumere qualche farmaco per contrastare qualche effetto indesiderato?

Come ci difendiamo dalle malattie infettive? Ecco una delle parole chiave che ci serve per capire l'importanza di un vaccino. Sai, fin dalla nascita chi ci fornisce gli anticorpi che ci difendono dalle malattie infettive è il latte della nostra mamma. Questa tipologia di immunizzazione si chiama passiva. Esiste anche l'immunizzazione attiva che ci viene fornita con la somministrazione del vaccino.

Ma che cos’è un vaccino?

Un vaccino è un prodotto biologico in grado di produrre immunità attiva attraverso la somministrazione di antigeni in grado di essere riconosciuti i meccanismi naturali di difesa del nostro organismo. Ogni vaccino è costituito da un principio attivo immunizzante e da eccipienti inerti come il liquido di sospensione, conservanti, stabilizzanti, adiuvanti ecc

A seconda del metodo di produzione, i vaccini possono essere di diversi tipi come:

  • vaccini con virus vivi attenuati: morbillo, parotite, rosolia, varicella, ecc
  • vaccini con virus inattivati: poliovirus, epatite A, influenza
  • vaccini con prodotti ricombinanti: epatatite B, papillomavirus umano
  • vaccini con componenti antigeniche di batteri: pertosse, influenza B, Streptococcus pneumoniae

I cicli vaccinali iniziano subito dopo la nostra nascita. Sappiamo bene che molte vaccinazioni sono obbligatorie, altre fortemente consigliate, altre facoltative, altre ancora si rendono necessarie quando andiamo a fare viaggi all'estero. Tutto questo per tutelare la nostra salute ed evitare il ritorno di alcune patologie ormai "scomparse" grazie proprio all'utilizzo dei vaccini (es. polio).

Negli ultimi mesi non abbiamo fatto altro che sentir parlare dei vaccini contro Sars-CoV-2, ma abbiamo ben capito che vaccini sono? Le notizie che ci hanno fornito telegiornali, testate giornalistiche, radio ci hanno mandano in grande confusione. I vaccini di cui sentiamo parlare sono:

  • Vaccino a mRNA Comirnaty Pfizer BioNTech
  • Vaccino a mRNA COVID-19 Vaccine Moderna
  • Vaccino ad adenovirus Vaxzevria (AstraZeneca)
  • Vaccino ad adenovirus COVID-19 Vaccine Janssen (Johnson&Johnson)

Le reazioni avverse

Un vaccino è da considerasi un vero e proprio medicinale con tutti i pro e i contro del caso. Come ogni altro farmaco può causare reazione anafilattica se si è allergici a uno dei componenti, oppure reazioni correlate all’ansia come reazioni vasovagali (es. sincope), iperventlazione o reazioni correlate allo stress, paura degli aghi, ecc.

Tra gli effetti indesiderati più comuni c'è la febbre.

Sai, i valori fisiologici della temperatura corporea possono variare sensibilmente tra le varie persone, in funzione dell’età, e nella stessa persona in funzione di: risposo, attività fisica, o stress emotivo, periodo del giorno, fase del ciclo mestruale, ecc. Varia, inoltre, anche in base alla sede anatomica di misurazione: a livello ascellare e inguinale risulta più bassa e più alta a livello orale e rettale. Sappiamo tutti che un aumento della temperatura corporea è molto importante, è un valido campanello d'allarme che ci dà il nostro corpo, di solito lo attribuiamo a qualche malattia.

La febbre è generalmente causata da un aumento della produzione di calore. Abbiamo visto in passato quali siano i meccanismi con cui questa possa aumentare e le molecole endogene coinvolte. Un leggero aumento della temperatura corporea dopo un vaccino è fisiologica, per potersi attivare bene il nostro sistema immunitario deve avere una temperatura più alta del normale. Quando però questa diventa elevata allora dobbiamo intervenire.

Che farmaci possiamo utilizzare?

Quando abbiamo un aumento eccessivo delle temperatura corporea dobbiamo ricorrere all'aiuto dei farmaci antipiretici. In questo caso i farmaci da preferire sono:

  • paracetamolo
  • ibuprofene
  • acido acetilsalicilico

Questi farmaci sono dotati di potere antipiretico, antidolorifico (in base al dosaggio), ed antinfiammatorio.

E altri effetti avversi?

Tramite i media abbiamo sentito parlare solo di alcuni degli effetti indesiderati di questi vaccini. Abbiamo detto che sono da considerarsi un vero e proprio farmaco, e quindi sono dotati (purtroppo) di alcuni effetti indesiderati.

Ti vado a riportare di seguito i principali effetti indesiderati dei vaccini di cui stiamo parlando

Effetti avversi Comirnaty Pfizer BioNTech:

  • Molto comune: diarrea, artralgia, mialgia, dolore in sede di iniezione, stanchezza, brividi, febbre, tumefazione in sede di iniezione
  • Comune: nausea, vomito, arrossamento in sede di iniezione
  • Non comune: malessere, dolore ad un arto, linfoadenopatia, ipersensibilità, insonnia
  • Raro: paralisi facciale periferica acuta
  • Non nota: anafilassi

Effetti avversi COVID-19 Vaccine Moderna:

  • Molto comuni: cefalea, nausea, vomito, mialgia, artralgia, dolore in sede di iniezione, stanchezza, brividi, febbre, linfoadenopatia
  • Comuni: eruzione cutanea, eritema in sede di iniezione, orticaria in sede di iniezione
  • Raro: paralisi facciale periferica acuta
  • Non nota: anafilassi, ipersensibilità

Effetti avversi vaccino Vaxzevria:

  • Molto comune: cefalea, nausea, mialgia, artralgia, dolore in sede di iniezione, calore prurito e livido in sede di iniezione, stanchezza, malessere, febbre, brividi
  • comune: trombocitopenia, vomito, diarrea, tumefazione in sede di iniezione, eritema
  • Non comune: linfoadenopatia, appetito ridotto, capogiro, sonnolenza, iperidrosi, prurito, eruzione cutanea
  • Molto raro: trombosi in associazione a trombocitopenia

Effetti avversi  COVID-19 Vaccine Janssen

  • Molto comune: cefalea, nausea, mialgia, stanchezza, dolore in sede di iniezione
  • Comune: tosse, artralgia, febbre, eritema in sede di iniezione
  • Non comune: tremore, starnuto, dolore orofaringeo, eruzione cutanea, iperidrosi, debolezza muscolare, astenia, malessere
  • Molto raro: trombosi in associazione a trombocitopenia

Come puoi bene vedere ogni vaccino può portare a reazioni avverse che vanno in ogni caso a risolversi in poco tempo, ma che armi possiamo avere per contrastarle?

Per quanto riguarda febbre, dolori, cefalea, ecc abbiamo farmaci antidolorifici, antipiretici e antinfiammatori che ci possono aiutare. I principali farmaci utilizzati in questi casi sono, come abbiamo già detto, il paracetamolo, l'ibuprofene e l'acido acetilsalicilico. Ricordiamoci che anche altri farmaci appartenenti alla categoria dei FANS ci possono aiutare, come ketoprofene, naprossene, e così via.

E per tutto quello che succede al sito d'inoculazione? Prima di tutto utilizziamo del ghiaccio, e successivamente possiamo applicare creme o gel (meglio gel che possono essere conservati in frigorifero e proseguire con l'effetto ghiaccio) a base di arnica. Arnica è un rimedio caratterizzato da proprietà antidolorifiche, antinfiammatorie davvero molto utile. Lo senti spesso consigliare anche dopo i vaccini dei tuoi bambini. E' un rimedio che va bene per tutti. Vanno altresì bene eventuali gel a base di antinfiammatori (ibuprofesene, diclofenac), antiedemigeni (es. escina, bromelina, ecc). E se mi venissero nausea, vomito e dissenteria? Sono effetti transitori anche se molto spiacevoli e debilitanti. In questo caso possiamo usare farmaci antiemetici e/o antidiarroici ed eventualmente probiotici e prebiotici, ricordandoci sempre di bere poiché sono situazioni che possono portare a disidratazione anche grave soprattutto nelle persone anziane.

Concludendo possiamo dire che nel nostro kit post vaccino non dovrebbero mancare:

  • farmaco per la febbre e per i dolori in generale
  • farmaco per la nausea ed il vomito
  • farmaco per la dissenteria ed eventualmente probiotici e prebiotici
  • gel per applicazione locale
  • ghiaccio

Fonti| Fradà – Semeiotica; Katzung – Farmacologia Generale e clinica; Aifa

Laureata in Farmacia presso la facoltà di Scienze del Farmaco dell’Università degli Studi di Milano. Tesi svolta presso il laboratorio di altro…
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.