Quando servono gli integratori di potassio?

Gli integratori a base di potassio possono aiutarti in periodi di eccessiva sudorazione (es. caldo, esercizio fisico inteso e prolungato) o perdita di liquidi in seguito a patologie (es. diarrea prolungata, vomito, patologie intestinali). Gli integratori possono essere d’aiuto come supplemento ad una dieta ricca ed equilibrata.
Dott.ssa Chiara Speroni Dottoressa in Farmacia
18 Agosto 2021 * ultima modifica il 18/08/2021

Il potassio è un elemento inorganico appartenente al gruppo 1 della tavola periodica degli elementi. Questo gruppo comprende i metalli alcalini, il cui nome deriva dall’arabo al qali (cenere delle piante). In natura gli elementi più abbondanti di questo gruppo sono il sodio e il potassio. Il potassio, insieme ad altri elementi tra cui sodio, cloro, magnesio e manganese, è fondamentale per la fisiologia delle nostre cellule, per il corretto svolgimento delle reazioni.

Una delle reazioni più importanti che si sviluppano nelle nostre cellule è quella mediata dalla Pompa Na+-K+-ATPasi. Detta così non ti dice nulla, ma è davvero importante per mantenere sodio e potassio nella giusta concentrazione all’interno e all’esterno delle cellule per garantire la formazione del potenziale d’azione alla base della trasmissione del segnale cellulare.

Una carenza di potassio è definita ipokaliemia o ipopotassiemia. Questa situazione si verifica quando si riscontrano valori di K+ nel sangue inferiore ai 3,5 mEq/l.

Generalmente, lievi alterazioni dei valori di potassio non causano particolari problemi. Quando, però, la situazione diventa grave, e la concentrazione di K+ e Na+ varia notevolmente, si hanno delle alterazioni nei potenziali d’azione a livello delle fibre muscolari soprattutto cardiache portando a una situazione molto pericolosa e grave.

I sintomi della carenza

Come ti ho detto, il potassio è un elemento chiave nel processo di contrazione muscolare, una sua carenza conduce quindi a crampi muscolari. A questi fanno seguito:

  • Astenia
  • Stitichezza
  • Scarso appetito

Nei casi gravi, i sintomi che si manifesteranno saranno causati da una marcata alterazione della contrazione muscolare come:

  • ipoventilazione fino a paralisi respiratoria per mancata motilità delle strutture respiratorie
  • bradicardia con alterazioni della contrazione muscolare cardiaca
  • paralisi flaccidia
  • occlusione intestinale per mancanza dei movimenti peristaltici
  • poliuria

La cause della carenza

Ma quali possono essere quelle situazioni che ci predispongono maggiormente ad una carenza di potassio?

  • disturbi dell'apparato digerente caratterizzati da vomito o diarrea per tempi prolungati come può capitare con patologie come colite ulcerosa, morbo di Crohn, tumori intestinali, e così via. Alterazioni possono essere provocate da abuso di lassativi e clisteri. Il potassio è secreto nel lume intestinale come componente del muco. Una perdita eccessiva di liquidi può condurre a ipopotassiemia.
  • sudorazione eccessiva anche in seguito ad esercizio fisico intenso e prolungato
  • eccesso di sodio nella dieta ed insufficiente apporto di potassio
  • sindromi da malassorbimento
  • medicinali es. diuretici come furosemide e derivati tiazidici
  • disordini endocrini causati da iperaldosteronismo primitivo o secondario, terapia con insulina, patologie renali, sindrome di Cushing ed assunzione prolungata di cortisonici.

Gli integratori

Potrai iniziare con una dieta adeguata caratterizzata da alimenti vegetali ricchi di potassio come:

  • banane
  • pomodori
  • frutta secca
  • albicocche
  • patate
  • legumi

A questa potrai aggiungere integratori alimentari. Questi ti saranno di particolare aiuto soprattutto quando dovrai affrontare situazioni che ti predisporranno a una perdita eccessiva di liquidi. In particolar modo ne farai un uso maggiore quando effettuerai esercizio fisico intenso e prolungato o in momenti di eccessiva sudorazione.

Ricordati che gli integratori alimentari non sono da preferire a una dieta sana e bilanciata, ma possono aiutare quando ci sono maggiori richieste di nutrienti da parte del nostro organismo. Abusarne, inoltre, è scorretto perché un dosaggio elevato di potassio può portare a un accumulo che può risultare dannoso.

In caso di necessità, ricordati sempre di parlare col tuo medico di medicina generale o col tuo farmacista di fiducia, sapranno indicarti il prodotto più adeguato alle tue esigenze. Non sottovalutare mai gli eventuali farmaci che assumi per patologia cronica, a volte potrebbero essere loro la causa di una perdita di questo elemento. È importante sottolineare sempre se soffri di patologie renali che possono alterare l'eliminazione di alcuni elementi o possono condurre a un accumulo di altri.

Fonte| Ganong – Fisiologia medica

Laureata in Farmacia presso la facoltà di Scienze del Farmaco dell’Università degli Studi di Milano. Tesi svolta presso il laboratorio di altro…
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.