Si può avere l’influenza senza febbre?

L’influenza è un’infezione respiratoria virale che solitamente provoca malessere, tosse, rinite e febbre; tuttavia esistono casi in cui l’influenza si presenta senza febbre, esaminiamo insieme questa circostanza.
14 Settembre 2023 * ultima modifica il 14/09/2023

L’influenza è una patologia molto comune causata da un virus che attacca il sistema respiratorio, causando sintomi fastidiosi che possono durare diversi giorni.

Perché viene l'influenza senza febbre

La febbre è un aumento improvviso della temperatura corporea e solitamente si presenta in condizioni in cui l’organismo sta cercando di controllare e affrontare situazioni anormali per lo stesso, solitamente di natura infettiva, per l’appunto. Per questo motivo la febbre è un sintomo comune delle influenze: l’aumento di temperatura è utile nel combattere l’azione dei virus, è una risposta del nostro sistema immunitario ad un’infezione. Eppure in alcune sindromi influenzali la febbre non si presenta.

Non è sempre semplice differenziare l’influenza dal raffreddore, ad esempio, essendo i sintomi molto simili. Anche il raffreddore potrebbe causare un po’ di febbre, ma solitamente è più bassa e meno frequente, per questo motivo a volte non si riesce a distinguere il raffreddore dall’influenza.

La febbre si potrebbe non presentare anche nei casi più lievi e meno aggressivi di influenza, in quanto il corpo può essere in grado di combattere il virus senza aumentare la temperatura.

Sintomi comuni dell'influenza senza febbre

I sintomi dell’influenza senza febbre variano da caso a caso, così come la loro gravità, ma si possono genericamente elencare così:

  • dolori e malessere fisico generalizzato;
  • mal di testa;
  • mal di gola;
  • debolezza;
  • tosse;
  • rinite;
  • congestione nasale.

Cosa fare con sintomi influenzali senza febbre?

Il trattamento per l’influenza prevede solitamente l’assunzione di farmaci antivirali, ma più di tutto il riposo: questo è utile anche nell’evitare il contagio con altre persone, essendo un virus molto contagioso e di facile trasmissione. Anche assumere molti liquidi può aiutare.

Solitamente l’influenza si risolve da sé, il sistema immunitario trova la giusta risposta all’infezione senza dover ricorrere a molti farmaci; se i sintomi si aggravano e non si risolvono dopo qualche giorno potrebbe comunque essere utile contattare il proprio medico.

Bisogna prendere antipiretici?

Nel caso di influenza senza febbre non è indicato assumere antipiretici. In linea di massima gli antipiretici andrebbero assunti solamente in caso di febbre molto alta, mentre nei casi di febbre al di sotto dei 37,5 gradi potrebbe rivelarsi anche controproducente. La febbre, come abbiamo già visto, è una risposta automatica dell’organismo nella lotta contro gli agenti patogeni: diminuirla assumendo dei farmaci potrebbe rallentare la risposta naturale dell’organismo. Questo ovviamente non vale nei casi di pazienti fragili o con altre patologie, che devono sempre contattare il proprio medico curante.

Quando preoccuparsi

Per la maggior parte delle persone l’influenza non è una condizione grave, tranne in alcuni casi particolari come ad esempio nelle persone anziane o nei bambini piccoli, nelle persone affette da altre patologie croniche o coloro che hanno un sistema immunitario compromesso, ma anche nelle donne incinte. Tuttavia ci sono casi che possono complicarsi anche in persone comunemente sane.

Sicuramente occorre consultare un medico se si presentano le seguenti condizioni:

  • difficoltà respiratorie;
  • vertigini;
  • stato di confusione;
  • vomito grave;
  • se vi è un peggioramento dei sintomi dopo un iniziale miglioramento.
Laureata in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Pavia, ha svolto periodi di formazione in ospedali universitari della Comunidad altro…
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.