Ti ha punto un’ape? 10 rimedi naturali per ridurre gonfiore e bruciore

Le pratiche qui descritte non sono accettate dalla scienza medica, non sono state sottoposte a verifiche sperimentali condotte con metodo scientifico o non le hanno superate. Queste informazioni hanno solo un fine illustrativo.
Le punture di api possono creare dei veri e propri pomfi sulla pelle, estremamente dolorosi e pruriginosi. Come si curano? Se non sei allergico e la reazione è circoscritta, puoi applicare dei rimedi naturali per trovare un po’ di sollievo e contenere il bruciore e l’irritazione.
Valentina Rorato 5 Maggio 2020

Sei mai stato punto da un'ape? A differenza della puntura della zanzara, che è pruriginosa e fastidiosa, quella di questo insetto tende a gonfiarsi molto e a scatenare un forte bruciore. Cosa succede durante la puntura? L’ape rilascia nella tua pelle il suo pungiglione e una tossina velenosa, prima di morire. È un dettaglio importante perché vuol dire che lo stesso insetto può pungerti una volta sola, a differenza delle vespe o delle altre specie che non perdono il pungiglione.

A meno che tu non sia allergico alle api o non sia punto da un gran numero di insetti contemporaneamente, magari perché hai urtato senza volere un alveare, puoi curare la maggior parte delle punture a casa con dei rimedi naturali.

Rimuovere il pungiglione

Rimuovere il pungiglione è la prima cosa che devi fare. Ti puoi aiutare con una pinzetta o, se non ce l’hai con te, anche con una tessera o una carta di credito. Agisci tempestivamente perché ti permette di contenere la quantità di tossine rilasciate nella pelle. Poi lava la zona con acqua e sapone.

Ghiaccio

Fare un impacco di ghiaccio è il modo più efficace per ridurre l'assorbimento del veleno. Può anche aiutare a ridurre il gonfiore e a togliere il dolore.

Olio essenziale di lavanda

L'olio essenziale di lavanda ha capacità antinfiammatorie e può aiutare ad alleviare il gonfiore. Diluisci l'olio essenziale con un olio vettore, ad esempio un olio di cocco o di oliva. Tampona alcune gocce del composto sul sito della puntura.

Miele

Il miele può aiutare con la guarigione delle ferite, il dolore e il prurito. Devi applicarne un piccola quantità sulla zona interessata e coprirla con una benda per almeno un’ora.

Bicarbonato di sodio

Una pasta a base di bicarbonato di sodio e acqua può aiutare a neutralizzare il veleno delle api e di conseguenza a ridurre il dolore, il prurito e il gonfiore. Lascia in posa il composto per almeno 15 minuti e, se necessario, ripeti l’operazione.

Olio dell’albero del tè

L'olio dell'albero del tè è un antisettico naturale e può ridurre il dolore delle punture d'ape. Mescolalo con un olio vettore e applica una goccia nella zona dove sei stato punto.

Aceto di mele

Immergi o tampona la zona della puntura con dell’aceto di mele per almeno 15 minuti. Puoi anche immergere una benda o un panno nell'aceto e quindi applicarlo dove ti serve.

Dentifricio

Non è chiaro perché il dentifricio possa aiutare le punture delle api. Alcune persone affermano che la pasta alcalina neutralizzi il veleno acido delle api. La verità è che è un rimedio casalingo economico e facile da provare. E' probabilmente una delle prime cose che trovi entrando in bagno. Quanto ne devi usare? Ne basta una punta.

Papaia

Si ritiene che un enzima presente nella papaia e chiamato papaina aiuti a scomporre le proteine ​​che causano dolore e prurito. Frulla la polpa di papaia e applicala sulla puntura.

Crema di calendula

La calendula è un antisettico usato per curare piccole ferite e alleviare l'irritazione della pelle. Applica la crema direttamente sul sito della puntura e copri con una benda.