Tieni a freno la tua voglia di snack, bibite e alimenti ultra-processati: potrebbero aumentare il rischio di demenza

Secondo un nuovo studio coordinato dalla Tianjin Medical University, in Cina, consumare alimenti ultra-processati tuttavia potrebbe davvero contribuire ad aumentare il rischio di sviluppare una forma di demenza.
Kevin Ben Alì Zinati 31 Luglio 2022
* ultima modifica il 31/07/2022

Snack, merendine, bibite. Ma anche gelati, salsicce, pollo fritto, yogurt, fagioli e pomodori in scatola, ketchup, maionese, guacamole o pane confezionato.

Tutti alimenti ultra-lavorati pensati per essere convenienti e gustosi e in realtà ricchi di zuccheri aggiunti, grassi e sale oltre che additivi alimentari, molecole provenienti da imballaggi o prodotti durante il riscaldamento.

Elementi già noti per essere deleterie per le capacità di pensiero e anche per le facoltà di memoria.

Secondo un nuovo studio coordinato dalla Tianjin Medical University, in Cina, e pubblicato sulla rivista Neurology, consumare alimenti ultra-processati tuttavia potrebbe anche contribuire ad aumentare fortemente il rischio di sviluppare una forma di demenza.

I ricercatori giapponesi, per indagare l’effetto sulla salute di questi alimenti, hanno analizzato i dati di 72.083 persone di età superiore a 55 anni e senza diagnosi di demenza accedendo ai database della biobanca del Regno Unito: l’idea era quella di ricercare un’eventuale correlazione tra il consumo di cibi ultra-processati e lo sviluppo di forme di demenza.

Tutti i partecipanti sono stati divisi in quattro diversi gruppi in base alle proprie abitudine alimentari e a distanza di 10 anni le analisi hanno dimostrato che 518 persone avevano sviluppato la demenza.

demenza-senile-significato

Più nello specifico, nel gruppo di chi consumava meno cibi ultra-processati, 105 avevano sviluppato demenza mentre in quello con consumo più alto il numero era salito a 150.

Studiando poi i dati per  età, sesso, storia familiare di demenza e malattie cardiache e altri fattori di rischio, i ricercatori ha notato che la probabilità di incorrere nella demenza aumentava del 25% per ogni aumento del 10% dell'assunzione giornaliera di alimenti ultra-processati.

Una tendenza, scrivono, che però si potrebbe “facilmente” invertire semplicemente migliorando la propria dieta.

Lo studio ha infatti dimostrato che sostituendo il 10% degli alimenti ultra-processati con cibi poco lavorato o non raffinati affatto come frutta fresca, verdura, legumi latte, il rischio di demenza potrebbe effettivamente ridursi del 19%.

Fonte | "Association of Ultraprocessed Food Consumption With Risk of Dementia" pubblicato il 27 luglio 2022 sulla rivista Neurology 

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.