Tumore del pancreas e dell’ovaio: ora il naso elettronico li fiuta dalle fiale di sangue

Si chiama “e-nose” ed è un dispositivo testato dai ricercatori dell’Università della Pennsylvania. Sfrutta un innovativo sistema di intelligenza artificiale ed è addestrato per distinguere i composti organici volatili emessi da cellule cancerose e quelli invece rilasciati dalle cellule sane.
Kevin Ben Alì Zinati 18 Giugno 2021
* ultima modifica il 18/06/2021

“C’è odore di tumore”. Forse non saranno proprio queste le parole che i medici pronunceranno ma le prossime diagnosi potrebbero non andarci troppo lontano.

In un futuro non così remoto, infatti, potremmo davvero avere a disposizione un dispositivo capace di "fiutare" la presenza di un carcinoma semplicemente “annusando” il sangue.

So che può sembrarti fantascienza, ma questo tipo approccio del tutto non invasivo per lo screening di diversi tipi di tumori, come quello al pancreas o all’ovaio, trova solide fondamenta scientifiche nel lavoro di un team di ricercatori dell’Università della Pennsylvania.

Durante la prossima riunione annuale dell'American Society of Clinical Oncology gli scienziati presenteranno lo studio che li ha portati a sviluppare “e-nose”: un naso elettronico in grado di scovare il cancro nelle fiale di sangue attraverso l’analisi dell’odore dei composti organici volatili emessi dalle cellule tumorali.

Il sistema olfattivo elettronico presenta dei nanosensori che rilevano la composizione dei Cov. Si tratta di sostanze chimiche volatili rilasciate da tutte le cellule e responsabili degli odori.

Forse non lo sapevi, ma anche le cellule tumorali emettono Cov. Così i ricercatori hanno addestrato questi sistemi di intelligenza artificiale a distinguere, in 20 minuti o meno, i Cov più associati alle cellule tumorali e quelli invece legati a cellule sane.

In particolare si sono concentrati sui tumori difficilmente diagnosicabili e l’approccio della tecnologia messa in campo rispecchiava di fatto il modo in cui funziona il tuo senso dell’olfatto, in cui una distinta miscela di composti dice al tuo cervello che cosa sta annusando.

Lo studio ha compreso 93 pazienti tra cui 20 con un carcinoma ovarico, 20 con tumori dell’ovaio ma benigni, 13 con un cancro al pancreas, 10 con una forma pancreatica benigna e 30 pazienti, invece, sono stati sottoposti a controlli abbinati per età e sesso.

I risultati sono stati importanti, perché il naso elettronico è stata capace di discriminare i COV proveniente del cancro del pancreas con un’accuratezza del 90% e quelli dell’ovaio con addirittura del 95%. I dati hanno anche dimostrato che l’e-nose sarebbe efficace sia nel caso di tumori in fase avanzata che in quelle iniziali.

Fonte | Università della Pennsylvania

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.