Una bevanda zuccherata al giorno? Può aumentare i rischi di malattie cardiovascolari nelle donne

Una nuova ricerca pubblicata sul Journal of American Heart Association ha analizzato un campione di oltre 100mila donne statunitensi e ha osservato che l’abitudine di bere una o più bevande con zucchero aggiunto aumentava di oltre il 20% i rischi di sviluppare patologie cardiovascolari. Questo perché eccessive concentrazioni di zucchero alterano l’attività dell’insulina, che aumenta stimolando così l’appetito e portando all’obesità: tutte condizioni che favoriscono la formazione di placche che possono ostruire le arterie.
Kevin Ben Ali Zinati 22 maggio 2020
* ultima modifica il 01/06/2020

Troppe bibite zuccherate fanno male al tuo cuore, soprattutto se sei donna. È stato calcolato che bere una o più bevande ricche di grosse quantità di zucchero aggiunto può aumentare il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari di oltre il 20% rispetto alle donne che invece non ne fanno uso o solo di rado. È la nuova ricerca dell’Università di San Diego e pubblicata sul Journal of American Heart Association: analizzando un campione di oltre 100mila donne, i ricercatori hanno dimostrato che sorseggiare bibite zuccherate, bevande energetiche per uso sportivo o succhi di frutta con zucchero aggiunto influenza negativamente il modo in cui il corpo utilizza l’insulina.

Un campione consistente

Lo studio del legame tra l’assunzione di bevande troppo zuccherate e il rischio di malattie cardiovascolari parte da un presupposto sociale americano. Ovvero che tra gli adulti statunitensi, l'assunzione media di zuccheri aggiunti è molto elevata, circa 308 kcal al giorno che corrisponde al 17% dell’energia totale di una giornata. I ricercatori si sono concentrati sulla popolazione femminile raccogliendo, dal 1995, un campione di oltre 106.000 donne, con un'età media di 52 anni e a cui non erano state diagnosticate malattie cardiache, ictus o diabete. L’analisi ha considerato l’utilizzo di bevande zuccherate al giorno e ha compreso bevande analcoliche caloriche, acque in bottiglia zuccherate, e succhi di frutta con zucchero aggiunto, bevande gassate, energetiche o sportive.

I rischi

Dai dati raccolti è emerso che, in generale, l’abitudine di bere una o più bevande zuccherate al giorno aveva un’incidenza negativa sullo stato di salute del cuore delle donne. Sono state riscontrate delle differenze in base al tipo di bevanda consumata: per esempio, una o più bevande alla frutta con l’aggiunta di zucchero erano associate a una probabilità maggiore del 42% di avere malattie cardiovascolari, bevande analcoliche come le bibite erano legate, invece, ad un aumento del 23% di malattie cardiovascolari in generale.

A rischio l'uso quotidiano di bevande zuccherate, acque in bottiglia zuccherate, tè e succhi di frutta con zucchero aggiunto e bibite energetiche

Questo, spiegano, perché eccessive quantità di zucchero possono portare a stress ossidativo e infiammazioni che incidono negativamente sulla resistenza dell’organismo all’insulina. Alte concentrazioni di insulina aumentano l’appetito, portando all’obesità, una condizione che innalza di per sé il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 e la creazione di placche che possono ostruire le arterie.

Fonti | "Sugar‐Sweetened Beverage Intake and Cardiovascular Disease Risk in the California Teachers Study" pubblicata il 13 maggio su Journal of American Heart Association

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.