Amsterdam, cene intime sul lungofiume in serre di vetro: così si evita il contagio da coronavirus

Menu vegetariano, tavoli da due e una mini serra di vetro da cui ammirare il lungofiume. Cenare così potrebbe anche farti dimenticare le distanze di sicurezza che il Covid-19 impone. Ad Amsterdam la risposta al pericolo di contagio quando si cena al ristorante sono le nuove serres séparées.
Gaia Cortese 11 maggio 2020

In francese sono conosciute come “chambres séparées”, ad Amsterdam le hanno invece chiamate serres séparées. Sono piccole casette dalla pareti di vetro, posizionate all’esterno del ristorante Mediamatic sul lungofiume e sono la soluzione più originale finora adottata da un ristorante per ridurrre il rischio di una seconda ondata di Covid-19.

Il Mediamatic è un ristorante vegetariano che ha fatto delle "serre di quarantena" il suo punto di forza. Già promotore della sostenibilità, da sempre questo ristorante si è occupato della coltivazione di verdura, di erbe e di fiori commestibili in una propria serra acquaponica fertilizzata con il compost creato con gli scarti della cucina. Qui si produce anche birra a chilometro (o meglio metro) zero e la fermentazione di alcuni prodotti viene seguita in un apposito laboratorio, il Mediamatic Clean Lab.

Un ristorante così all’avanguardia non poteva che prendere spunto da questa emergenza sanitaria, e soprattutto farlo in maniera del tutto originale. Il Mediamatic è riuscito a trasformare il distanziamento sociale in un’occasione per cenare in intimità, con una vista mozzafiato su un canale della città.

Come funziona? Le piccole serre sono dotate di un tavolo per due persone e il menu vegetariano che viene servito è composto da quattro portate. I camerieri indossano guanti e protezioni per il viso e utilizzano lunghi vassoi per servire i piatti all’interno delle serre.

Al momento il modello olandese delle serre da quarantena è stato sperimentato con famigliari e conoscenti stretti dei gestori del ristorante ma, a partire dal 21 maggio, se ci sarà il via libera, il ristorante Mediamatic potrebbe già accogliere i primi ospiti. Da giorni sul sito web del ristorante è già stato registrato il tutto esaurito per diverse date: due le fasce orarie previste per la cena, una a partire dalle 18, l'altra dalle 20.30, con un intervallo di tempo tra i due orari per consentire la sanificazione della casetta.