Chiara, che racconta fiabe per superare le difficoltà: “Hanno un potere rigenerante, sono lo specchio della nostra vita”

La formatrice Chiara Mantoan porta con “Fiabe in Azione” le storie dei Fratelli Grimm in scuole e aziende. Al potere dei racconti unisce metodi di rilassamento, respirazione e tecniche creative. L’obiettivo è offrire benessere in ambito personale e professionale.
Emanuele La Veglia 18 maggio 2020

Cenerentola, Pollicino, Hansel e Gretel. Queste e tante altre sono le storie dei fratelli Grimm, che avranno sicuramente accompagnato la tua infanzia. E se pensi che siano solamente delle storie per bambini, in realtà non è così. Anzi possono portare benessere anche in altri periodi nella tua vita e addirittura nel luogo in cui lavori.

Esiste infatti un modo nuovo di fare formazione professionale chiamato "Fiabe in azione", portato avanti da Chiara Mantoan, che ha unito la sua passione per la comunicazione con quella per le fiabe. Tutto è cominciato nel silenzio di una montagna.

"Stavo leggendo un articolo su Jean Pascal Debailleul, un cantastorie francese che ha applicato la magia delle fiabe alla comunicazione delle aziende. Da quel momento – ci racconta Chiara – ho approfondito la questione, unendo poi a quell'approccio tecniche creative e non solo".

La statua dedicata ai fratelli Grimm in Germania

Gli incontri tenuti da Chiara iniziano solitamente con una fase di respirazione e rilassamento. Un modo per dedicarsi al meglio all'ascolto delle fiabe, coinvolgendo tutti e cinque i sensi. L'obiettivo è trovare il collegamento tra le fiabe e la vita personale e professionale di ognuno, partendo dalle qualità dei singoli personaggi e da come sono riusciti a superare gli ostacoli sul loro cammino.

"La mia fiaba preferita è “Il coraggioso piccolo sarto”: la sento molto in sintonia con la mia energia e la vedo come un manuale di istruzioni per scoprire il proprio valore, radicarsi in esso e portarlo fuori, nel mondo, facendo outing e aprendosi alle infinite possibilità che la vita ci offre".

Le fiabe hanno un potere rigeneratrice

Chiara Mantoan

Questo approccio fa giungere le persone coinvolte a soluzioni, che a prima vista sembrano impossibili.

"Le fiabe hanno un potere rigenerante, ci spingono ad uscire dalla nostra zona di comfort. Una volta , dopo la prima mattina di formazione, una partecipante mi ha detto di aver dato finalmente un senso ad alcune
esperienze difficili che aveva vissuto. Dopo poche ore di lavoro, aveva iniziato a vedere quegli episodi come passaggi necessari a farla diventare la persona che era in quel momento".

Insomma, le fiabe possono accompagnarci sia da bambini che da adulti.

"Sono sempre attuali – conclude Chiara – perché sono lo specchio della nostra vita. Ognuno può ritrovarsi in esse e usarle come timone per orientare la propria vita, perché, come diceva il filosofo Seneca: Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare”.