Coilonichia: l’unghia a cucchiaio che può essere una spia di diversi problemi

La coilonichia si rifierisce a una strana anomalia dell’unghia per cui questa appare simile a un cucchiao. Spesso è un problema più che altro estetico, ma in alcuni casi può essere il sintomo di qualche patologia.
Valentina Danesi 21 Gennaio 2022
* ultima modifica il 28/01/2022

La coilonichia è una condizione che riguarda le unghie, facendo apparire concave e facendole assomigliare a un cucchiaio. "Unghie a cucchiaio" è infatti il modo più comune con cui ci si riferisce a questo problema. Può limitarsi a essere un problema estetico, anche perché, possiamo ammetterlo, le unghie sono spesso molto osservate da chi parla con noi. Ma può anche rivelarsi il sintomo di altre patologie. Vediamo quali.

Cos’è

La coilonichia è un'anomalia dell'unghia, che puoi vedere anche a occhio nudo. In poche parole, se hai questa condizione dovresti notare che l'unghia non è livellata come accade di norma, ma assume un aspetto concavo, arrivando ad assomigliare a un cucchiaio. La parte più interna, cioè, rientra verso il letto ungueale. Ti spieghiamo meglio. Osserva bene. Se noti una deformazione a cunetta di una o più unghie e una linea che la divide a metà, potresti pensare di avere la coilonichia.

Le cause 

Come ti abbiamo anticipato poco fa, le cause della coilonichia possono essere:

  • una semplice carenza alimentare (un esempio può essere la vitamina B o un’anomalia del metabolismo come l’emocromatosi)
  • una questione ereditaria
  • malattie della pelle come la sclerodermia o l’alopecia
  • malattie ematiche come l’anemia
  • malattia ormonale come i problemi causati da un malfunzionamento della tiroide

I sintomi 

I sintomi della coilonichia sono quelli che ti abbiamo descritto finora e che puoi vedere molto facilmente: ossia il letto dell’unghia che partendo dall’esterno andando verso l’interno si abbassa sempre di più, ecco perché spesso si dice che l’unghia prende la forma a cucchiaio. Ci possono poi essere piccoli segni longitudinali che dividono a metà l’unghia.

La diagnosi 

Per capire se soffri di coilonichia, ti basta rivolgerti a un podologo ma anche al medico di base che osservando la tua unghia portranno formulare la loro diagnosi. Basterà cioè una visita e un'osservazione attenta. Più difficile, invece, sarà stabilirne le cause e, in questo caso, l’anamnesi, ossia le domande che ti porrà lo specialista, saranno essenziali. Una volta determinato un ventaglio di cause, per restringerle o per avere la certezza di quella scelta potrà poi prescriverti esami più specifici e approfonditi.

La cura

Per capire quale cura è meglio scegliere, il tuo medico o lo specialista dovrà prima di tutto individuare la causa del problema. Questo è fondamentale perché è proprio in base a quello che la terapia viene scelta e calibrata. Se si tratta di un trauma o di una questione ereditaria devi sapere che non vi è alcun rimedio. Se invece il problema è una carenza di vitamine si procederà con la modifica della dieta e magari con qualche integratore. Nei casi più gravi, o meglio dire più seri, si può anche fare una biopsia dell’unghia per capire e scegliere come procedere.

Fonte| Centro Podologico 

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.