Come cambiare le 5 cattive abitudini che puoi aver sviluppato durante la pandemia

Poco o troppo sonno, sedentarietà, cibo spazzatura e tempo perso davanti ai device elettronici. Se in pandemia poteva essere permessa qualche brutta abitudine, adesso è il momento di cambiare direzione. Non ce lo meritiamo forse?
Gaia Cortese 4 Aprile 2022

Due anni di pandemia hanno coperto un tempo sufficiente per dare vita a nuove abitudini, e purtroppo, non sempre buone. Un recente sondaggio condotto nel 2021 da ValuePenguin, si è concentrato su questo tema e ha scoperto che il 61 per cento degli americani riconosce di aver sviluppato almeno una cattiva abitudine durante la pandemia e di volerla cambiare,

Vanessa Kennedy, Direttrice dell’Unità di psicologia presso il Driftwood Recovery ha spiegato come sia frequente cercare conforto sviluppando cattive abitudini in grado di attivare rapidamente i centri di ricompensa del cervello; e, una volta attivati, questi centri di ricompensa hanno il potere di ridurre temporaneamente lo stress, merito anche dell'effetto del rilascio di dopamina. Il problema è che quando l’effetto finisce, non si può che desiderare di nuovo la sensazione piacevole provata.

Durante la pandemia lo stress, la noia e l'incertezza, ma anche le regole di distanziamento sociale hanno spinto le persone a bere di più, ad essere meno attivi, a dormire e mangiare male. Le principali cattive abitudini acquisite dagli americani  (ma non solo da loro) sono state: il consumo eccessivo di alcol, la tendenza a mangiare cibo spazzatura, l’inattività fisica, il troppo tempo trascorso davanti alla televisione o ai vari device elettronici e la mancanza di sonno o il troppo riposo.

Fortunatamente, a tutto c’è un rimedio. Davanti ad abitudini sbagliate, il cambio di rotta non è impossibile, purché se ne abbia consapevolezza e non manchi la voglia di cambiarle.

"Possiamo adattarci al nostro ambiente e fare la scelta consapevole di cambiare le cattive abitudini e resistere alle voglie sostituendole con alternative più sane – ha dichiarato Vanessa Kennedy a Healthline -. Ci siamo adattati a un evento senza precedenti e abbiamo fatto quello che dovevamo fare per farcela. Ora che le restrizioni si stanno allentando, possiamo tornare a concentrarci sulla nostra salute, andando oltre quella che deve essere la prevenzione dal Covid-19”.

Come smettere di bere troppo alcol

Il primo step per ridurre il consumo di alcol è diventare consapevoli di quanto si beve effettivamente. Farlo è semplice: ti basta non riempire sempre lo stesso bicchiere, ma utilizzarne uno nuovo ogni volta che metti mano alla bottiglia. Oltre questo suggerimento, Vanessa Kennedy invita anche a cercare di definire le emozioni che si provano nel momento in cui si beve e provare a trovare attività alternative per ridurre, per esempio lo stress, la tristezza e l’insicurezza. Forse una passeggiata all’aria aperta, una sessione di meditazione di 20 minuti o una telefonata alla migliore amica possono essere più efficaci di un paio di bicchieri di vino.

Come mangiare più sano

Cosa significa per te mangiare sano? Ridurre lo zucchero, i grassi, i carboidrati, la caffeina o altro? A seconda di quale è il tuo obiettivo, prova anche in questo caso a trovare un'alternativa: sostituisci il caffè con una tisana,  lo zucchero con del miele, e così via. Stabilire poi un programma alimentare da rispettare durante la settimana potrebbe essere di ulteriore aiuto, ma in questo caso, meglio rivolgersi ad un esperto nutrizionista.

Come riprendere l'attività fisica

Sconfiggere la pigrizia è il primo passo per tornare a fare attività fisica. Per farlo il miglior modo è trovare un'attività che gratifichi e che sia divertente. Se quindi, per esempio, ti piace nuotare prova a fissare due giorni in cui riesci a ricavare almeno un'ora per andare in piscina e magari fallo in compagnia, sarà sicuramente più coinvolgente. Quando inizierai a percepire i primi benefici sarà più difficile fermarti di nuovo.

Come stare lontano dai device elettronici

Il segreto è sempre trovare un'alternativa. Ecco perché, se vuoi ridurre il tempo che passi davanti a un tablet o uno smartphone, scrollando ore e ore video e immagini pubblicati sui vari social, forse è arrivato il momento di appassionarti a qualcosa di diverso. Puoi seguire un corso per imparare a cucinare, o leggere un libro, o ancora dedicarti alle parole crociate o ad un hobby nuovo. E tornando a monte, anche un'attività sportiva può sempre aiutarti a distoglierti da tablet, tv e smartphone.

Come regolare il tuo sonno

Se in pandemia eri solito fare le ore piccole e dormire poi tutto il pomeriggio, forse è il caso di cambiare anche questa abitudine. Ne guadagnerai in riposo, concentrazione e buon umore. Prova quindi a darti una routine, resta attivo nell'arco della giornata e prova ad andare a dormire sempre alla stessa ora, facendo altrettanto al mattino, quando è ora di svegliarsi.