Come praticare la manovra di Heimlich e a che cosa serve

La manovra di Heimlich è una tecnica di pronto soccorso estremamente importante, perché serve a liberare le vie respiratorie nel caso una persona stia soffocando. Impara a praticarla al momento giusto.
Valentina Rorato 5 Settembre 2022
* ultima modifica il 05/09/2022

La manovra di Heimlich è una tecnica di primo soccorso in caso di soffocamento. Può essere utilizzato su adulti e bambini coscienti, ma che non riescono a respirare, ma non è raccomandato per i neonati. Come si esegue e perché funziona?

Che cos’è

La manovra di Heimlich è la procedura che bisogna praticare quando una persona sta soffocando a causa di qualcosa che blocca le vie aeree e di conseguenza non riesce a parlare, tossire o respirare. Un'ostruzione delle vie aeree può portare alla perdita di coscienza e alla morte. La manovra consiste in una serie di spinte addominali che vanno però applicate con la forza giusta per non danneggiare le costole o gli organi interni. Inoltre, si consiglia di utilizzarla solo se gli "schiaffi alla schiena" non riescono ad alleviare l'ostruzione. Se la persona è incosciente, invece, sono necessarie le compressioni toraciche.

Le spinte addominali sollevano il diaframma e forzano abbastanza aria dai polmoni per creare una tosse artificiale. Questa tosse ha lo scopo di spostare l'aria attraverso la trachea, spingendo ed espellendo l'ostruzione dalle vie aeree e dalla bocca

La storia

La manovra prende il nome dal medico Henry Heimlich, un chirurgo toracico, che documentandosi sui soffocamenti, ha scoperto che la Croce Rossa americana raccomandava di schiaffeggiare sulla schiena le vittime che stavano soffocando. Ma non c'erano molte prove a sostegno di questa strategia.

Ha iniziato a testare varie strategie su un cane anestetizzato. Era convinto che i colpi sulla schiena non fossero una soluzione, perché rischiavano di spostare l’oggetto che causava ostruzione più in basso nelle vie aeree. Scoprì, però, con i suoi esperimenti che premendo il diaframma verso l'alto, i polmoni potevano espellere abbastanza aria per espellere l'oggetto. Questa semplice procedura divenne la manovra di Heimlich (1974) e, nel giro di pochi anni, organizzazioni come la Croce Rossa iniziarono a consigliarla come la migliore strategia per salvare la vita di persone che stavano soffocando.

Come si effettua

Bisogna mettersi in piedi dietro alla persona che sta soffocando, far passare le braccia davanti e unire le due mani in un pugno da posizionare sopra l'ombelico e sotto la gabbia toracica. Bisogna poi premere bruscamente e al tempo stesso all’interno e verso l'alto, sotto la gabbia toracica da 5 a 10 volte, molto rapidamente, fino a quando l’ostruzione viene eliminata.

Eseguire la manovra su se stesso

Se soffochi e non c'è nessuno che ti aiuti, procedi come segue:

  • Fai un pugno e, con i pollici rivolti verso l'interno, posiziona il pugno contro il diaframma, sotto la gabbia toracica e sopra l'ombelico.
  • Spingi verso l'interno e verso l'alto fino a quando l'oggetto non viene espulso.
  • Se non è possibile farlo o non funziona, appoggiati su un oggetto solido, come un bancone o una sedia, facendo in modo che il bordo comprima il diaframma verso l'interno e verso l'alto. Muoverti leggermente avanti e indietro per produrre le spinte.
  • Ripeti finché l'oggetto non viene rimosso.

Neonati

Nei bambini di età inferiore a 1 anno, non si può praticare la classica manovra di Heimlich, ma devi seguire la seguente procedura:

  • Posiziona il bambino a faccia in giù sull'avambraccio, assicurandoti che la testa del bambino sia più bassa del suo petto. Con l'avambraccio appoggiato sulla coscia, sostieni la testa del bambino con la mano. Assicurati che la bocca e il naso del bambino non siano coperti.
  • Usa il palmo dell'altra mano per colpire la schiena del bambino tra le scapole quattro volte. Ripeti fino a quando l'oggetto non esce. Se questo fallisce, gira il bambino. Posiziona due dita al centro del petto del bambino, tra i capezzoli. Spingere con forza quattro volte verso il basso fino a una profondità di circa 1 pollice. Ripeti fino a quando l'oggetto non esce.

Quando non si deve praticare

Non va praticata sulle persone incoscienti. Inoltre, se la persona può tossire, parlare, soffocare o respirare, non sta soffocando. Aspetta che tiri fuori l'oggetto. Inizia la manovra di Heimlich solo se la persona non è in grado di rimuovere l'oggetto e non può respirare. E non è tutto. È utile solo in caso ci sia un oggetto (da una caramella a un pezzetto di cibo) che ostruisca le vie respiratorie: non salva le vittime di annegamento e non salverà le persone da altre emergenze, come un arresto cardiaco o un attacco epilettico.

Fonte | Manuale Msd; Ospedale Bambino Gesù

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.