Congiuntivite da mascherina: cosa la provoca e come evitarla

L’occhio è l’organo che ci permette di vedere l’ambiente che ci circonda. È costituito da diversi organi ed apparati, con ognuno la propria funzione. La congiuntiva appartiene all’apparato protettivo dell’occhio ed una sua infiammazione si chiama congiuntivite.
Dott.ssa Chiara Speroni Dottoressa in Farmacia
23 Febbraio 2022 * ultima modifica il 23/02/2022

L’occhio è l’organo di senso che ci permette di trasformare gli impulsi luminosi provenienti dall’esterno in immagini. Detta così sembra molto semplice, in realtà devi sapere che l’impulso luminoso deve essere prima trasformato in impulso elettrico e inviato, attraverso le vie ottiche, al cervello dove avviene l’elaborazione del segnale che sarà percepito come immagine. Da un punto di vista anatomico, l’occhio, è un organo sferoidale, localizzato nella cavità orbitale. È costituito da diversi apparati come quelli deputati alla raccolta, trasmissione e traduzione degli impulsi luminosi a cui fa capo la retina; apparato muscolare che consente all’occhio di muoversi nelle diverse direzioni; apparato protettore dell’occhio, formato da sopracciglia, palpebre, congiuntiva e dall’apparato lacrimale.

Cos’è la congiuntiva?

La congiuntiva è una membrana mucosa che riveste la parte interna delle palpebre e la faccia anteriore del bulbo oculare, per intenderci, la parte che sporge. L’apparato lacrimale è costituito dalle ghiandole lacrimali e dalle via lacrimali. Il liquido lacrimale viene secreto nel sacco congiuntivale, con funzione lubrificante, detergente e di difesa nei confronti di microrganismi, sostanze e oggetti estranei e impedisce che la cornea vada incontro a secchezza.

Cos’è la congiuntivite?

La congiuntivite è un’infiammazione della congiuntiva, ed è tra le malattie oculari più comuni. La congiuntivite può colpire sia bambini che adulti, un singolo occhio o entrambi, esser acuta o cronica.

Le cause di tale infiammazione possono essere:

  • Infezione batterica, virale o parassiti
  • Reazione allergica (es. acari della polvere, pollini, peli di animali, reazioni a farmaci)
  • Congiuntiviti da agenti chimici o fisici ( es. saponi, cosmetici, esposizione eccessiva ai raggi solari o radiazioni)

Quali sono i sintomi di una congiuntivite? In caso di congiuntivite potremo avere:

  • Occhi arrossati
  • Aumento della lacrimazione
  • Sensazione di sabbia negli occhi
  • Produzione di secrezione
  • Fotofobia
  • Gonfiore delle palpebre
  • Prurito
  • Fastidio

E la congiuntivite da mascherina?

Nel corso degli ultimi due anni, la mascherina è diventata “il nostro accessorio” più utilizzato. Lo sapevi che se non indossata nella maniera corretta può favorire l’insorgere di questa infiammazione?

Quante volte ci siamo lamentati con amici, familiari, o conoscenti per l’utilizzo di questo mezzo di protezione? Quante volte abbiamo detto "la mascherina non mi fa respirare bene"? Questa sensazione è peggiorata se questa non è indossata correttamente. Così facendo, non solo ti proteggi da eventuali contagi, ma impedisci che l’aria che espiri da naso e bocca (caratterizzata da microrganismi, ad esempio batteri buoni che vivono normalmente nella nostra bocca per difenderci dalle infezioni) possa arrivare alla congiuntiva irritandola. Abbiamo anche notato come le mascherine cambiano di dimensione a seconda della ditta che le produce. Ecco, se sono troppo grandi per il nostro viso andranno a interferire con il corretto movimento della palpebra che di conseguenza verrà meno al suo compito di lubrificazione oculare. Questo comporta un occhio secco e irritato, con maggior predisposizione allo sviluppo di infiammazioni ed infezioni.

Cosa fare?

Se noti uno dei sintomi di cui abbiamo parlato non esitare a parlarne col il tuo medico di Medicina Generale, il quale valuterà se mandarti dallo specialista oculista o se iniziare una terapia farmacologica.

Fonti| P. Castano – Anatomia Umana;  Ganong – Fisiologia Medica

Laureata in Farmacia presso la facoltà di Scienze del Farmaco dell’Università degli Studi di Milano. Tesi svolta presso il laboratorio di altro…
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.