Cosa devi fare se perdi la tessera sanitaria?

Hai perso la tessera sanitaria, come puoi fare per riaverla? In realtà, è molto semplice e hai ben 5 opzioni diverse tra cui scegliere. L’unica cosa importante che devi sempre avere in caso di smarrimento e furto, è la denuncia presso le autorità competenti (Polizia di Stato o Carabinieri) da allegare alla richiesta di duplicato.
Valentina Rorato 3 Maggio 2021
* ultima modifica il 03/05/2021

La tessera sanitaria è un documento importantissimo e contiene anche il codice fiscale rilasciato dall’Agenzia delle Entrate. La utilizzi tutte le volte che ti rechi dal medico, acquisti un medicinale in farmacia (magari attraverso ricetta elettronica), ma anche se devi prenotare degli esami di laboratorio o una visita specialistica (sia privata sia convenzionata con il Sistema Sanitario Nazionale).

È strettamente personale, quindi non può essere ceduta, e ha valore anche all’esterno, nei paesi dell’Unione europea, nel caso tua abbia bisogno di servizi sanitari quando non sei in Italia.  Ma che cosa succede in caso di smarrimento? Cosa devi fare se la perdi?

Come si ottiene

La tessera sanitaria è gratuita e viene emessa solo se  il cittadino ha il codice fiscale correttamente attribuito dall’Agenzia delle entrate ed è iscritto all’ASL di competenza e questa ha trasmesso i suoi dati al “Sistema tessera sanitaria”. Non devi quindi fare nulla, perché ti verrà recapitata a casa.

Per i nuovi nati, invece il codice fiscale viene attribuito dal Comune dopo la presentazione della dichiarazione di nascita da parte dei genitori (o dei tutori), attraverso il sistema telematico di collegamento con l’Anagrafe Tributaria. Per i piccolini, la prima tessera sanitaria ha validità un anno, mentre normalmente dura 6 anni.

Cosa contiene

La tessera sanitaria contiene informazioni importanti su entrambi i lati.  Nella parte frontale sono indicati:

  • il codice fiscale del titolare della tessera
  • i dati anagrafici
  • la data di scadenza.

La parte posteriore costituisce la Tessera Europea Assistenza Malattia (T.E.A.M.) e garantisce l’assistenza sanitaria nell’Unione Europea, in Norvegia, Islanda, Liechtenstein e Svizzera, secondo le normative vigenti nei singoli paesi.

Quando scade

Come abbiamo anticipato,  la tessera sanitaria vale sei anni e trovi la data di scadenza sulla parte frontale. Alla sua scadenza verrà automaticamente spedita al cittadino una nuova tessera all’indirizzo di residenza risultante in “Anagrafe Tributaria”.

Cosa fare in caso di smarrimento o furto

Può succedere di smarrire un documento o di essere vittima di un furto. Se la tessera sanitaria viene smarrita, rubata o si è deteriorata perché mal conservata, puoi chiedere duplicato. Nei primi due casi, è necessaria la denuncia alle autorità competenti (Polizia di Stato o Arma dei Carabinieri).

Poi ha diverse modalità di rischiesta da seguire:

  1. Online, tramite il sito dell’Agenzia delle entrate:  per la tessera sanitaria senza microchip è disponibile un servizio in area libera che non prevede quindi alcuna registrazione, per quella con microchip occorre accedere all’area riservata dei servizi telematici dell’Agenzia delle entrate, mediante le credenziali SPID (Sistema Pubblico d’Identità Digitale), la CIE (Carta d’Identità Elettronica), la CNS (Carta Nazionale dei Servizi) o le credenziali di Fisconline.
  2. 2. E-mail o PEC all’Agenzia delle entrate: in questo caso devi mandare attraverso posta certificata il modulo di richiesta (modello AA4/8), compilato e sottoscritto, allegando una copia del documento di identità. La sottoscrizione del modulo può avvenire anche con firma digitale. I contatti sono reperibili nella pagina del sito che riporta “gli indirizzi degli uffici locali”.
  3. Ufficio dell’Agenzia delle entrate
  4. ASL di appartenenza
  5. Portale “Sistema tessera sanitaria”: qui poi scaricare in PDF e stampare una copia cartacea della tua tessera sanitaria. Per accedere all’area riservata del cittadino, devi utilizzare le credenziali SPID, Fisconline e TS-CNS attivata.

Fonte | Sistema tessera sanitaria

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.