Esami del sangue: ecco i controlli da fare regolarmente per tenere d’occhio la tua salute

Con il passare del tempo e l’avanzare dell’età, diventa sempre più importante tenere monitorata la tua salute. Ci sono alcuni esami del sangue che è consigliato fare con cadenza regolare. Vediamo insieme quali.
Sara Del Dot 24 Ottobre 2018
* ultima modifica il 17/12/2020

Quando siamo giovani e ci sentiamo sempre bene e nel pieno delle forze, tendiamo a non darci troppo peso. Sentendoci in forma smagliante, ci capita di sottovalutare l’importanza di tenere monitorata la nostra salute, in particolare in un’ottica di prevenzione. Ma non dobbiamo dimenticarci che, con l’avanzare dell’età, diventa sempre più importante assicurarsi che tutto sia a posto, soprattutto se pratichiamo sport con regolarità o stiamo affrontando cambiamenti fisici o alimentari particolari. Per questo motivo ci sono alcuni controlli che, in particolare a partire dai 40 anni, si consiglia fortemente di eseguire con cadenza regolare.

Controlli da tenere in considerazione

Soprattutto una volta superata una certa soglia d’età, sono diversi gli esami consigliati da fare con cadenza regolare per tenere monitorato il proprio stato di salute. Dal controllo della pressione, al pap test per le donne, alla mammografia, e ancora alle visite cardiologiche. In più, ovviamente, ci sono gli esami da fare una in casi specifici di attività sportiva intensa, di accesso alle cure termali, di ingresso in momenti della vita che portano con sé inevitabili squilibri fisici, come la gravidanza o la menopausa. Di seguito, vediamo insieme quali sono gli esami del sangue che è consigliato svolgere con cadenza regolare per un monitoraggio costante della salute, in base anche al genere, allo stile di vita e alle abitudini alimentari.

Analisi del sangue da fare regolamente

  • Esame emocromocitomerico, per il conteggio di globuli rossi, globuli bianchi e piastrine.
  • In particolare dopo i quarant’anni non va assolutamente sottovalutato il livello dei grassi presente nell’organismo, quindi vanno fatte dei prelievi per misurare il livello di colesterolo e trigliceridi. Questi controlli sono consigliati ogni due anni, se le precedenti analisi hanno dato risultati nella norma.
  • Controllo della glicemia, per valutare la funzionalità dell’apparato endocrino quantificando il glucosio presente nel sangue.
  • La valutazione della funzionalità tiroidea è un check importante, data la piuttosto alta incidenza nelle donne di problematiche alla tiroide. Il prelievo del sangue consente di valutare la salute della ghiandola e, se necessario, curarla tempestivamente. Viene fatta come controllo di routine soprattutto per donne che vogliono iniziare una gravidanza.
  • Sempre per le donne, un controllo che è importante fare regolarmente è la valutazione del metabolismo tramite un prelievo che misura glicemia, colesterolo e trigliceridi. Si tratta di esami del sangue di routine che andrebbero eseguiti ogni anno o ad anni alterni, soprattutto dopo la menopausa, momento della vita della donna in cui il metabolismo rallenta e quindi è più probabile trovare questi valori alterati.
  • Controllo dell’emocromo e delle riserve di ferro soprattutto quando le donne iniziano ad avere le mestruazioni, è importante controllare se l’introito di ferro è sufficiente
  • Transaminasi, per controllare la funzionalità epatica e cardiaca.

Naturalmente non è necessario farli tutti ogni anno. Tuttavia ce l’hanno sempre detto, prevenire è meglio che curare e conviene fare un piccolo sforzo in più per sincerarsi di stare bene e avere tutti i valori nella norma.

Fonte| Fondazione Veronesi

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.