Gli integratori alimentari non fanno dimagrire: lo dice un nuovo studio

Per perdere peso non è sufficiente usare un integratore alimentare, ma bisogna seguire una dieta personalizzata e fare un po’ di movimento. È questo quanto emerso dalla revisione di 315 studi. E questo risultato è particolarmente importante per dare reale supporto e non false illusione alle persone obese.
Valentina Rorato 21 Luglio 2021
* ultima modifica il 02/08/2021

Perdere peso è un percorso spesso complicato e lento. Purtroppo, ritrovare la forma fisica non può essere una corsa di velocità. Per questo motivo, quando si sta affrontando una dieta si spera sempre di trovare un escamotage per accelerare i tempi. Quante volte hai scelto un integratore alimentare sperando ti facesse perdere più peso?

Sono prodotti estremamente popolari, disponibili in una varietà di formati, tra cui compresse, capsule, caramelle gommose, polveri e liquidi, come i tè o beveroni. Ma servono veramente? Una metanalisi di 315 studi clinici su integratori e terapie per la perdita di peso pubblicata su Obesity ha riscontrato una mancanza di prove evidenti che gli integratori alimentari e le terapie alternative aiutino gli adulti a perdere peso. Secondo i ricercatori, la maggior parte degli studi esaminati ha rilevato che gli integratori analizzati non abbiano prodotto perdita di peso tra gli utenti.

Durante lo studio, gli esperti hanno condotto una revisione sistematica della letteratura esistente utilizzando le linee guida Preferred Reporting Items for Systematic Reviews e Meta-Analyses per valutare l'efficacia di questi prodotti in persone con un’età uguale o maggiore a 18 anni.

L'analisi si è concentrata su 315 studi randomizzati: di questi sono stati classificati 52 studi come a basso rischio di bias e sufficienti a supportare l'efficacia. Di questi 52 studi, 16 hanno dimostrato significative differenze di peso tra i gruppi pre/post rispetto al placebo. La perdita di peso in questi studi variava da 0,3 kg a 4,93 kg.

John Batsis, professore associato presso la Divisione di Medicina Geriatrica presso l'Università del North Carolina (UNC ) School of Medicine, e nel Dipartimento di Nutrizione della UNC Gillings School of Global Public Health, ha così spiegato: "I nostri risultati sono importanti per medici, ricercatori e industria in quanto suggeriscono la necessità di una valutazione rigorosa dei prodotti per la perdita di peso. Solo così potremo produrre dati che consentano ai medici di fornire input e consigli con un grado di certezza più elevato ai nostri pazienti".

Gli ingredienti analizzati sono 12 e sono quelli maggior consumo, come calcio e vitamina D, chitosano, cioccolato/cacao, cromo, efedra o caffeina, garcinia e/o idrossicitrato, tè verde, gomma di Guar, acido linoleico coniugato (CLA), faseolo, fenilpropilammina e piruvato.

Prendere una capsula di cacao o un integratore di ginseng non funzionerà mai se non cambi il tuo stile di vita perché il tuo corpo ti difende sempre dalla perdita di peso e devi essere un partecipante attivo a una vita sana per tenerlo a bada, anche con procedure chirurgiche (chirurgia bariatrica)”, ha specificato Sharon Zarabi, direttrice del programma presso il Katz Institute for Women's Health di Northwell Health a New York City e Westchester.

Fonte | "A Systematic Review of Dietary Supplements and Alternative Therapies for Weight Loss" pubblicato su Obesity il 23 giugno 2021

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.