In Brasile è morta una persona che non ha mai ricevuto il vaccino di Astrazeneca

Secondo quanto riporta Reuters, la prima agenzia di stampa a dare la notizia, il volontario aveva ricevuto un placebo. Di conseguenza, è morto per ragioni che non hanno nulla a che vedere con il farmaco. Ti ricordo infatti che l’Ema ha nominato una commissione di esperti indipendenti che dovrà proprio valutare l’efficacia e la sicurezza del vaccino, prima che ne venga approvato l’uso.
Giulia Dallagiovanna 22 Ottobre 2020
* ultima modifica il 22/10/2020

Ci sono notizie che non sono notizie per nulla. E una di questa è la morte di una persona che si era iscritta come volontaria alla sperimentazione del vaccino di AstraZeneca in Brasile. Per quanto la vicenda sia tragica per l'uomo e per i suoi familiari, non riguarda in alcun modo te o chiunque altro riceverà un giorno la vaccinazione contro il Covid-19. E questo per un semplice motivo: la vittima non aveva mai ricevuto il farmaco.

Non si conoscono dunque le ragioni che hanno portato al decesso e d'altronde è anche giusto che restino private. Quello che interessa a noi è semplicemente essere certi che non gli fosse stato somministrato alcun vaccino. E così è stato. Secondo l'agenzia di stampa Reuters, l'uomo apparteneva al gruppo di controllo e aveva quindi ricevuto un placebo, mentre l'Ansa sostiene che non avesse fatto in tempo a iniziare la sperimentazione e dunque che non gli sia stato iniettato assolutamente nulla.

Secondo quanto riporta Reuters, il volontario aveva ricevuto un placebo

A corredo di queste rassicurazioni, ci sono alcuni elementi di contesto da considerare. Il primo è che la sperimentazione è stata attivata in diversi Paesi tra cui Regno Unito, Brasile, Russia e India. Coinvolge circa 30mila volontari: su numeri così grandi non sembra poi strano che nell'arco di 7 mesi vi possano essere persone che muoiano per motivi del tutto slegati dalla vaccinazione.

Inoltre, questi sono forse i primi studi che vengono seguiti passo passo. Non sappiamo cosa accada nei trials effettuati per altri farmaci. Tranquillo, nessuno ti vuole tenere nascosto nulla: ogni informazione è registrata e documentata, ma a nessuno, se non agli addetti ai lavori, interessa verificare ogni passaggio di tutte le sperimentazioni che avvengono ogni giorno nei laboratorio di tutto il mondo. Stiamo quindi scoprendo cose a noi finora sconosciute, come il fatto che quando si verifica un problema, gli studi vengono interrotti.

Infine, c'è una commissione di esperti internazionale e indipendente, nominata dall'Agenzia europea del farmaco, che deve valutare se questo vaccino, così come gli altri candidati, sia davvero efficace e sicuro. Se quindi riscontrerà qualche problema, le dosi non saranno nemmeno messe in commercio.

In tempi normali, questa notizia avrebbe raggiunto, al massimo, i quotidiani locali. Ma questi, lo saprai bene, non sono tempi normali. Abbiamo tutti paura, ci siamo ritrovati con le vite sconvolte da un avvenimento straordinario e più grande di noi, che ancora non abbiamo imparato a gestire. E quindi ci lasciamo convincere da teorie del complotto o puntiamo un'attenzione morbosa verso ogni minima notizia che riguardi il Covid-19, senza fermarci a pensare se si tratti davvero di una news. In questo caso, è morta una persona in Brasile. Lascio decidere a te: avevi davvero bisogno di saperlo?

Fonti| Reuters; Ansa

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.