Le nuove regole sulle aree B e C di Milano potrebbero generare l’opposto di una giusta transizione ecologica

Quali sono le nuove regole per i veicoli che circolano nell’area B e C di Milano? Ecco la lista di chi dal 1° ottobre 2022 potrà accedere in queste due zone, ma attenzione, ci sono anche alcune deroghe (che potrebbero compromettere gli obiettivi della transizione ecologica).
Francesco Castagna 3 Ottobre 2022

Milano cambia nuovamente le regole per quanto riguarda la circolazione delle auto nelle aree a traffico limitato B e C. I divieti sono entrati in vigore il 1° ottobre 2022 e sono validi dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle 19.30.

Limitazioni area B e C

Nuove regole

47.283 veicoli saranno interessati dalle nuove limitazioni, anche se ci saranno delle regole per alcune tipologie. In concreto le misure scatteranno a partire da oggi, lunedì 3 ottobre, dal momento che nel fine settimana è possibile circolare liberamente.

Sul sito del comune di Milano vengono indicate le categorie di auto che possono circolare nelle due aree, ma innanzitutto, che zone intendiamo quando parliamo di area B e C?

Area B

La definizione che fornisce il comune per l'area B è di una zona a traffico limitato "controllata da 188 telecamere, con divieto di accesso e circolazione dal lunedì al venerdì dalle 7:30 alle 19:30 (festivi esclusi)". In quest'area non possono circolare i veicoli più inquinanti e quelli con lunghezza superiore ai 12 metri che trasportano merci. Con le nuove limitazioni sono state inserite ulteriori categorie di veicoli inquinanti, e sono:

  • le auto Euro 2 a benzina
  • Euro 4 diesel senza FAP (filtro anti-particolato)
  • Euro 3 e 4 diesel con FAP di serie
  • Euro 0, 1, 2, 3, 4 diesel con FAP after-market installato entro il 31/12/2018 e con classe massa particolato pari almeno a Euro 4, Euro 4 diesel, compresi i bi-fuel, e gli Euro 5 diesel

Il Comune prevede alcune deroghe per determinati tipi di veicoli:

  • Per tutti i veicoli diesel euro 4 e 5 e quelli alimentati a benzina Euro 2 sarà possibile circolare in Area B aderendo al progetto Move-In/Area B. Su questo punto c'è da aprire una parentesi, perché in una recente intervista con l'assessore all'Ambiente e al Verde avevamo parlato di transizione giusta e sostenibile, il problema è che se si permette a tutti di poter accedere a un'area semplicemente pagando un abbonamento mensile non solo si va nella direzione opposta da quella di voler decarbonizzare i centri urbani, ma si crea ancora una volta una differenza sociale tra chi può permettersi il costo di accesso e chi economicamente non può sostenerlo, contrariamente ai principi di una giusta transizione. A confermarlo infatti è il boom di richieste per l'abbonamento Move-In. Secondo la Regione Lombardia, c'è stato un vero e proprio boom di richieste per poter accedere all'interno della città. Sono oltre 22.000 i nuovi ticket Move-In, il 150% in più rispetto alle richieste arrivate in Regione Lombardia l'anno scorso.

Per la regione, il 75% dei richiedenti hanno espresso la necessità di entrare in Area B, di questa percentuale i 2/3 sono categorie di veicoli limitati dal Comune di Milano.

Con il Move-In ogni veicolo registrato potrà circolare liberamente a prescindere dalle fasce orarie, con un tetto massimo di km/h annui in base alla tipologia e alla classe ambientale, fino al 30 settembre del 2024, anno in cui termineranno anche gli incentivi per l’acquisto di veicoli commerciali nuovi.
Ogni persona che vorrà aderire al progetto integrato di monitoraggio dei veicoli inquinanti dovrà installare un sistema di controllo (una scatola nera) sulla sua macchina. In attesa dell'installazione potrà usufruire di 50 ingressi/deroga.

In alternativa al Move-In, segnala il Comune di Milano, "i veicoli diesel euro Euro 4 e 5 e i veicoli alimentati a benzina Euro 2 potranno usufruire di 50 giorni di accesso, anche non consecutivi, nel periodo compreso tra la data del primo accesso avvenuto e la data del 30 settembre 2023".

Il sistema di controllo con le telecamere faranno partire il conteggio dal primo ingresso, per verificare gli accessi sarà possibile consultarli sul sito del Comune di Milano. Inoltre, devi sapere che i 50 giorni di deroga non sono continuativi, puoi utilizzarli anche in maniera discontinua, a patto che non violino il Piano Regionale degli interventi per la qualità dell'aria. Qui, per esempio, puoi controllare se il tuo veicolo può circolare o meno.

Area C

Come l'area B, anche l'area C ha subito delle modifiche per quanto riguarda la circolazione dei mezzi nella Cerchia dei Bastioni. La novità più importante è che le autovetture ibride che producono più di 100 grammi per chilometro di CO2 dovranno pagare il ticket d’ingresso.

Dal 3° ottobre 2022 entrano in vigore le limitazioni per:

  • i veicoli Euro2 a benzina
  • Euro 3 e 4 diesel con FAP di serie
  • Euro 0, 1, 2, 3 e 4 diesel con FAP after-market installato entro il dicembre 2018 e con classe di adeguamento (riportata sulla carta di circolazione) per la massa di particolato pari almeno ad Euro 4 e gli Euro 5 dieselSiccome sappiamo che a volte non è semplice capire di che tipologia è il tuo veicolo, qui, per esempio, puoi controllare se il tuo veicolo può circolare o meno.