Le proprietà della Garcinia cambogia: serve davvero a perdere peso?

Le pratiche qui descritte non sono accettate dalla scienza medica, non sono state sottoposte a verifiche sperimentali condotte con metodo scientifico o non le hanno superate. Queste informazioni hanno solo un fine illustrativo.
Molto spesso si crede che assumendo un integratore alimentare si possa perdere peso per magia. Tra i più noti, ci sono quelli a base di garcina cambogia. In realtà, i benefici di questa pianta sono strettamente legati allo stile di vita. Non devi quindi farti illusioni, piuttosto impara ad assumerlo correttamente e all’interno di una dieta e uno stile di vita sano.
Valentina Rorato 6 luglio 2020

La garcinia cambogia è molto nota tra chi desidera perdere peso e per farlo sceglie di assumere un integratore. Le proprietà di questo frutto, che deriva da una pianta nota come Garcinia gummi-gutta o Tamarindo Malabar, sono principalmente legate alla sua capacità di favorire il dimagrimento. Ma conosciamo meglio insieme la pianta.

La pianta

La garcinia cambogia è un piccolo frutto giallo o verdastro, dal gusto acido e a forma di zucca. Proviene da un albero di dimensioni medio-piccole che cresce in India e nel sud-est asiatico. Le proprietà di questo frutto sono racchiuse tutte nella sua scorza che contiene l'acido idrossicitrico chimico (HCA) e viene utilizzata per produrre molti integratori. L'acido idrossicitrico chimico (HCA) è un derivato dell'acido citrico, che si trova in una varietà di piante tropicali, che pare essere utile per il metabolismo dei lipidi.

Gli integratori

Gli integratori contengono generalmente tra il 20 e il 60% di acido idrossicitrico chimico. Ovviamente, quando devi acquistarne uno, leggi bene le etichette perché se vuoi che sia realmente efficace, deve avere almeno un 50% di HCA (sotto questa soglia è praticamente inutile per la perdita di peso). Il dosaggio quotidiano dovrebbe essere trai 500 ai 2.000 mg di estratto secco di garcinia al giorno (250-1000 mg di acido idrossicitrico). Di solito le capsule sono da 500mg di garcina cambogia e possono essere assunte 3 volte al giorno, 30/60 minuti prima dei pasti.

Le proprietà

Come abbiamo detto la garcinia si utilizza soprattutto per dimagrire, nonostante gli vengano attribuite anche proprietà antinfiammatorie per contrastare i dolori articolari. Purtroppo, però, non ci sono prove scientifiche valide a supporto di questa tesi. E onestamente ci sono dei dubbi anche sulle sue proprietà dimagranti. In realtà, quello che si sa è che l'acido idrossicitrico chimico (HCA) può collaborare a prevenire l’accumulo di grasso (dovrebbe inibire gli effetti di un enzima noto come citrato liasi) e a ridurre l’appetito (modulando i livelli di serotonina).

Ciò non vuol dire che assumendo un integratore a base di garcina perderai peso. Deve essere inserito all’interno di uno stile di vita sano, caratterizzato da una dieta ipocalorica e da un po’ di esercizio fisico. In questo caso, potresti ottenere dei buoni risultati e a beneficiarne non sarà solo la forma fisica, ma la salute in generale perché potrai notare una riduzione dei livelli di colesterolo LDL e dei trigliceridi. Molte persone sostengono che l’assunzione di garcinia abbia un effetto energizzante e che ciò permetta di avere performance sportive migliori.  Ciò potrebbe non influenzare direttamente il peso. Tuttavia, se pratichi più attività fisica avrai sicuramente dei risultati anche relativi al dimagrimento.

Effetti collaterali e controindicazioni

La garcina cambogia è considerata sicura, però ci sono persone che potrebbero comunque andare incontro a degli eventuali effetti collaterali, soprattutto se si superano le dose consigliate. Quali sono i problemi principali? Mal di testa, dolori addominali, crampi, diarrea e nausea. Inoltre, se ne sconsiglia l’assunzione durante la gravidanza e in allattamento, se si soffre di una malattia degenerativa, di diabete mellito (soprattutto in terapia farmacologica, perché potrebbe avere delle interazioni con i farmaci), se si è allergici o sensibili al principio attivo o se si soffre di epatopatie.

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.