L’inquinamento causa nel mondo 9 milioni di morti l’anno

Il bilancio post pandemia sull’emergenza inquinamento è tremendo. Nove milioni, ogni anno, sono le persone che perdono la vita a causa dell’esposizione all’aria resa insalubre dalle sostanze tossiche, che produce l’uomo, con auto, industria, stufe e molto altro.
Valentina Rorato 22 Maggio 2022
* ultima modifica il 02/06/2022

Muoiono 9 milioni di persone l'anno a livello globale per l’ esposizione inquinamento. Un dato tremendo che diventa ancora più grave, perché dimostra che non c’è stato alcun miglioramento dal 2015 al 2019. Pare che l’unico cambiamento sia nelle cause dell’inquinamento atmosferico: i decessi oggi sono provocati principalmente dall’aria tossica prodotta da automobili, camion e industria (dato in aumento del 55% nel 2020), mentre qualche anno prima era maggiore quello domestico vecchio stile dovuto alle stufe e all'inquinamento delle acque reflue.  A dimostrarlo è il nuovo rapporto di  The Lancet  Commission on Pollution and Health, pubblicato su  The Lancet Planetary Health.

I paesi più inquinati

Gli scienziati hanno anche dimostrato che i decessi per inquinamento sono in aumento soprattutto nelle nazioni più povere, mentre sono in calo negli Stati Uniti, dove però aria sporca, acqua malsana, piombo e inquinamento sul lavoro uccidono ancora 140.000 americani all'anno, più che in qualsiasi altra nazione industrializzata.

Gli Stati Uniti sono l'unico paese completamente industrializzato tra le prime 10 nazioni per decessi totali per inquinamento, classificandosi al 7° posto con 142.883 morti attribuite all'inquinamento nel 2019, e si inserisce tra Bangladesh ed Etiopia.

Lo studio pre-pandemia si basa su calcoli derivati ​​dal database Global Burden of Disease e dall'Institute for Health Metrics and Evaluation di Seattle. India e Cina guidano il mondo nelle morti per inquinamento con quasi rispettivamente 2,4 milioni e 2,2 milioni di morti all'anno, ma le due nazioni hanno anche la popolazione più numerosa del mondo.

Il Ciad e la Repubblica Centrafricana sono i Paesi con tassi più elevati con circa 300 morti per inquinamento ogni 100.000, più della metà a causa di acqua contaminata, mentre Brunei, Qatar e Islanda hanno i tassi di mortalità per inquinamento più bassi che vanno da 15 a 23. La media globale è 117 morti per inquinamento ogni 100.000 persone.

L'inquinamento uccide circa lo stesso numero di persone all'anno in tutto il mondo come il fumo di sigaretta e il fumo passivo messi insieme, afferma lo studio. "9 milioni di morti sono un sacco di morti", ha affermato Philip Landrigan, direttore del Global Public Health Program e del Global Pollution Observatory al Boston College. "La cattiva notizia è che non stanno diminuendo. Stiamo migliorando in alcuni settori, i più semplici, ma stiamo vedendo che le cose più difficili, che sono l'inquinamento atmosferico (industriale all'aperto) e l'inquinamento chimico, continuano a salire".

I certificati per queste morti, ovviamente, non dicono inquinamento. Elencano malattie cardiache, ictus, cancro ai polmoni, altri problemi polmonari e diabete che sono "strettamente correlati" con l'inquinamento da numerosi studi epidemiologici, ha spiegato Landrigan.

Tre quarti dei decessi complessivi per inquinamento provengono dall'inquinamento atmosferico e la maggior parte di ciò è "una combinazione di inquinamento da fonti fisse come centrali elettriche a carbone e acciaierie da un lato e fonti mobili come automobili, camion e autobus. Ed è un grave problema globale”, ha affermato Landrigan. "E sta peggiorando in tutto il mondo man mano che i paesi si sviluppano e le città crescono".

A Nuova Delhi, in India, l'inquinamento atmosferico raggiunge il picco nei mesi invernali e l'anno scorso la città ha visto solo due giorni in cui l'aria non era considerata inquinata. È stata la prima volta in quattro anni che la città ha vissuto una giornata di aria pulita durante i mesi invernali.

Nel 2000, l'inquinamento atmosferico industriale ha ucciso circa 2,9 milioni di persone a livello globale. Nel 2015 erano fino a 4,2 milioni e nel 2019 erano 4,5 milioni, afferma lo studio. Il report ha rilevato che l'inquinamento atmosferico domestico, principalmente da stufe primitive inefficienti, e l'inquinamento atmosferico hanno ucciso 6,7 milioni di persone nel 2019.

L‘inquinamento da piomboin parte dovuto all'additivo al piombo che è stato bandito dalla benzina in tutti i paesi del mondo e anche da vecchie vernici, batterie di riciclaggio e altri processi produttivi – uccide 900.000 persone all'anno, mentre l'inquinamento dell'acqua è responsabile di 1,4 milioni di morti all'anno. L'inquinamento sul lavoro aggiunge altri 870.000 morti.

Raccomandazioni per ridurre i decessi

Gli autori dello studio hanno formulato otto raccomandazioni per ridurre i decessi per inquinamento. Questi includono richieste per un gruppo scientifico/politico indipendente sull'inquinamento in stile Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), insieme a maggiori finanziamenti per il controllo dell'inquinamento da parte di governi, donatori indipendenti e filantropici e un migliore monitoraggio dell'inquinamento e raccolta di dati. Le organizzazioni internazionali devono anche approvare e stabilire una migliore connessione tra scienza e politica per l'inquinamento, come quelle per il clima e la biodiversità, inizialmente per i prodotti chimici, i rifiuti e l'inquinamento atmosferico.

Inquinamento, cambiamento climatico e perdita di biodiversità sono strettamente collegati. Il controllo efficace di queste minacce congiunte richiede un'interfaccia scienza-politica formale supportata a livello globale per informare, influenzare la ricerca e guidare i finanziamenti. L'inquinamento è stato generalmente visto come un problema locale da affrontare attraverso la regolamentazione subnazionale e nazionale o, occasionalmente, con la politica regionale nelle regioni a reddito più elevato. Tuttavia, è chiaro che l'inquinamento è una minaccia planetaria e che i suoi fattori trainanti, la dispersione e gli impatti sulla salute trascendono i confini locali e richiedono una risposta globale. È necessaria un'azione globale su tutti i principali inquinanti moderni", afferma Rachael Kupka, coautrice e direttore esecutivo della Global Alliance on Health and Pollution

Fonte | Pollution and health: a progress update pubblicato su The Lancet il 17 maggio 2022.

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.