Non solo cemento e calcestruzzo: la plastica nell’edilizia

Forse non lo sai, ma il 20% della plastica utilizzata complessivamente in Europa viene usata nel campo dell’edilizia. Si tratta di circa 10 milioni di tonnellate all’anno destinate al settore delle costruzioni. Ma dove si trova tutta questa plastica nelle nostre case?
Rubrica a cura di Sara Del Dot
22 Marzo 2019

Quando pensi ai materiali che sono stati utilizzati nella costruzione della tua casa, sicuramente penserai al mattone, al cemento, al calcestruzzo, al legno. La plastica, potrebbe non venirti in mente subito, perché non sempre te ne accorgi e non sempre la individui come un materiale adatto per la costruzione di una struttura solida come, appunto, un edificio.

Eppure forse ti stupirà sapere che, in Europa, vengono impiegate nell’edilizia circa 10 milioni di tonnellate di plastica ogni anno. Si tratta del 20% del consumo totale delle materie plastiche in Europa. Ciò significa che, a livello di quantità utilizzata, il settore edile è il secondo ambito in cui queste plastiche vengono usate di più. Il primo, naturalmente, è il packaging.

Ma dove si trova tutta questa plastica all’interno delle nostre case?

In effetti, non è sempre semplice vederla. Eppure c’è un motivo per cui non hai bisogno di stare ogni due mesi a cambiare il tubo della lavatrice o i cavi dentro i muri a causa dell’usura e della corrosione. Ed è proprio la grande caratteristica che, lo abbiamo sempre detto, valorizza questo materiale. La resistenza. Ma non solo. Infatti,  la plastica è un materiale particolarmente adatto in campo edile sotto diversi aspetti:

  • È isolante, infatti viene molto usata nella costruzione di infissi, porte, finestre e cavi.
  • È igienica, quindi può tranquillamente trasportare acqua anche potabile fino al rubinetto.
  • È durevole, permettendoti di dover cambiare i pezzi pochissime volte.
  • È semplice, infatti si tratta di un materiale da cui è facile realizzare componenti smontabili e intercambiabili.
  • Inoltre, è un cattivo conduttore di elettricità e quindi contribuisce a rendere sicuri i tuoi spazi.

Non è inoltre raro che questo materiale, in particolare il Plexiglass, venga spesso sostituito al vetro, ad esempio nella realizzazione di lucernari, dal momento che è molto resistente agli urti, ma troviamo plastica anche nei nastri adesivi, nelle vernici, nelle pavimentazioni. Senza contare gli arredi e gli oggetti di design, che però poco hanno a che fare con l’edilizia.

Insomma, non solo imballaggi, giocattoli e piccoli oggetti di arredamento. La plastica svolge un ruolo fondamentale in casa tua anche se non puoi vederla o ti sei talmente abituato da non farci più caso e camminarci sopra tutti i giorni.

Fonte | PlasticsEurope

Questo articolo fa parte della rubrica
Sono nata e cresciuta a Trento, a due passi dalle montagne. Tra mille altre cose, ho fatto lunghe passeggiate nel bosco altro…