Provare stupore mentre si cammina: cos’è e quali sono i benefici dell’awe walking

C’è modo e modo di camminare. E non lo si deve fare solo per allenare i muscoli, anzi. Provando a concentrarsi sulla bellezza di ciò che abbiamo intorno, è possibile praticare la “camminata dello stupore”, meglio nota come Awe walking.
Gaia Cortese 2 Dicembre 2022

Cammina e stupisciti. Non serve altro per praticare l’awe walking, vale a dire quella che è l’ultima tendenza per migliorare il proprio benessere psico-fisico. Insomma, ancora una volta non è la quantità, ma la qualità che fa la differenza e perché l’awe walking sortisca i suoi effetti benefici si deve camminare mettendoci anche un po’ di cervello.

Tradotto dall’inglese l’awe walking è una “camminata dello stupore”, un’attività fisica non incentrata solo sull’impegno fisico, ma su tutto ciò che c'è intorno, tutto ciò di cui ci si può meravigliare.

Come si pratica

Awe è l’acronimo di Attention, Wait, Exhale and Expand, dove con "Attention" ci si riferisce al momento in cui ci si concentra su qualcosa di bello, sorprendente; "Wait" detta invece la regola del rallentare, per apprezzare il momento alla pari di una pratica di mindfulness; "Exhale" è l’atto di respirare a fondo, concentrandosi su inspirazione ed espirazione; "Expand" descrive l’azione di amplificare qualsiasi sensazione piacevole si possa provare durante la camminata.

Non a caso l’awe walking si pratica nella maggior parte dei casi in mezzo alla natura dove ci si possa davvero sorprendere per l’immensità di un prato, la bellezza di un bosco e l’imponenza di alberi secolari. In mancanza di tanta natura, l’awe walking può essere praticato anche in un contesto urbano, purché si sia in grado di trovare qualcosa per cui stupirsi. Un viale di alberi che perdono le foglie in autunno, un edificio dall'architettura ricercata o un quartiere particolarmente accogliente possono essere elementi della città in grado di sorprendere quando gli si osserva con un occhio diverso.

Benefici dell'awe walking

Sembra poi che l’awe walking abbia effetti positivi sullo stato psico-fisico e che quindi possa allentare lo stress, ridurre ansia e depressione, oltre che aumentare la consapevolezza.

Ad evidenziarne i benefici è uno studio condotto recentemente da un team di scienziati californiani del Northbay Hospital e dell'Università di Berkeley che ha scoperto come praticare lo stupore possa indurre un senso di atemporalità, allentando quindi quella tipica frenesia che tocca più o meno chiunque viva in un contesto urbano.

Lo studio ha coinvolto 128 operatori sanitari e 221 membri della comunità durante la pandemia. Ai partecipanti è stato chiesto di eseguire un semplice esercizio studiato appositamente per aiutarli a provare stupore per circa 10-15 secondi, e da ripetere dalle tre alle cinque volte al giorno. Dopo ventuno giorni dall'inizio dello studio, i partecipanti hanno riferito un aumento del benessere emotivo e della consapevolezza, oltre all'aver riportato miglioramenti significativi in termini di stress, preoccupazioni e ansia.