Ti è comparso un ematoma? Ci sono 10 rimedi naturali che puoi utilizzare per farlo riassorbire

Le pratiche qui descritte non sono accettate dalla scienza medica, non sono state sottoposte a verifiche sperimentali condotte con metodo scientifico o non le hanno superate. Queste informazioni hanno solo un fine illustrativo.
Nella maggior parte dei casi l’ematoma è il risultato di una piccola distrazione. Un urto contro un oggetto o un mobile, una caduta e altri incidenti simili portano alla rottura dei capillari e alla fuoriuscita di sangue, dalla quale deriva la macchia violacea che compare sulla pelle. Dovrai semplicemente aspettare che passi, ma alcuni rimedi naturali possono velocizzare il riassorbimento.
Giulia Dallagiovanna 29 Aprile 2020

I lividi, o gli ematomi, sono tra le manifestazioni cutanee più comuni. Urti per sbaglio contro un oggetto o lo spigolo di un mobile, e i capillari che si trovano in quella zona si rompono, permettendo al sangue di fuoriuscire. Una sorta di piccolo trauma, il più delle volte assolutamente innocuo, ma che lascia un segno gonfio, violaceo e antiestetico sulla tua pelle. Si può chiamare anche contusione e non è raro ritrovartene qualcuno senza sapere assolutamente come te lo sia provocato.

In alcuni casi, va detto, può trattarsi del sintomi di una patologia anche grave. La leucemia e altre forme tumorali, ad esempio, si presentano anche in questo modo, perché sconvolgono la produzione di cellule ematiche da parte del tuo midollo e creano problemi nella coagulazione. Quest'ultima potrebbe inoltre presentare dei difetti che non sono riconducibili a un cancro e, inoltre, i tuoi vasi sanguigni potrebbero rivelarsi molto fragili e quindi più soggetti a rotture. Ma se nessuna di queste è la situazione che ti riguarda, allora non dovrai far altro che attendere che l'ematoma si riassorba da solo. Ci sono però alcuni rimedi naturali che possono velocizzare questo procedimenti, noi te ne proponiamo 10.

L'arnica

L'arnica montana ha proprietà antinfiammatorie che favoriscono la riduzione del gonfiore e un più rapido assorbimento dell'ematoma. Inoltre, unita anche all'artiglio del diavolo, può agire da antidolorifico naturale. In effetti non lo abbiamo ancora specificato, ma quando il livido è conseguenza di un trauma può fare piuttosto male e il dolore potrebbe durare anche un paio di giorni. Puoi trovare questi rimedi sia in forma di crema, di gel, ma anche di cerotti da applicare.

L'ippocastano

Un rimedio che agisce direttamente sulla circolazione sanguigna è l'ippocastano, che favorisce il naturale riassorbimento dei liquidi che sono fuoriusciti dai capillari grazie all'esculina, un tipo di glucoside. Allo stesso tempo rafforza le pareti dei vasi e ne migliora l'elasticità per prevenire future rotture. Lo puoi acquistare già in forma di crema da spalmare sulla zona interessata.

L'aloe vera

Questa pianta dalle tante virtù terapeutiche è utile anche in caso di ematomi. L'aloe vera infatti esercita un'azione antinfiammatoria in grado di riattivare le funzionalità dell'epidermide e quindi favorisce la scomparsa più rapida del livido violaceo. Se applichi il gel non appena ti rendi conto di aver urtato contro qualcosa, riuscirai addirittura a prevenire il gonfiore e anche la macchia sulla pelle. Una buona idea è anche quella di tenere il prodotto in frigorifero, in modo che il freddo aiuti a ridurre il dolore e la contusione.

Il ghiaccio

A proposito di freddo, c'è un buon vecchio rimedio della nonna che anche in questo caso può rivelarsi utilissimo: il ghiaccio. Ti sarà sufficiente aprire il freezer ed estrarre un cubetto, oppure un prodotto congelato, e applicare questo sull'ematoma. Avvertirai subito un sollievo, poiché il dolore diminuirà e non si presenterà nemmeno il classico gonfiore.

Olio di iperico

L'olio essenziale di iperico, così come la crema, ha proprietà antinfiammatorie e vasocostrittrici. Di conseguenza, accelera la riduzione dell'ematoma, favorisce la cicatrizzazione dei capillari rotti e fa in modo che il sangue si riassorba. Altri oli essenziali utili per la stessa funzione sono quello di esquiseto, di pino, lavanda ed eucalipto. Dovrai applicarli sul livido e massaggiare con delicatezza.

Le patate

Fanno bene per le scottature, ma anche per altri piccoli traumi della pelle. Le patate infatti contengono principi attivi molto utili per questo tipo di problemi. In particolare, un enzima chiamato catalasi è in grado di velocizzare il riassorbimento dell'ematoma e di ridurre il dolore. Questo tubero è utile inoltre per le conseguenze di altri piccoli incidenti domestici, come le leggere ustioni provocate dall'urto contro una pentola appena tolta dal fuoco o dal contatto con la superficie del forno acceso.

L'aceto di mele

Anche l'aceto di mele, che di norma utilizzerai come semplice condimento, rivela invece proprietà utili in caso di ematoma. È in grado infatti di sciogliere i coaguli che si sono formati in conseguenza del trauma e della rottura dei capillari e, se utilizzato subito, può addirittura evitare che si formi il livido. Lo puoi diluire in un po' d'acqua e poi praticare gli impacchi sulla zona colpita.

L'olio d'oliva

Un altro ingrediente molto usato per condire, ma che ha anche caratteristiche curative è l'olio d'oliva. Contiene infatti l'oleocantale, un composto che previene la formazione delle infiammazioni o le contrasta se si son già presentate. Agisce quindi sul fronte del dolore, ma anche della manifestazione visibile, riducendo il gonfiore.

La calendula

La trovi in crema o puoi acquistare direttamente la tintura madre. In ogni caso, la calendula è una pianta officinale che offre proprietà antispasmodiche e antinfiammatorie naturali. Riduce quindi l'ematoma e ne favorisce un veloce riassorbimento, ma può anche darti un po' di sollievo dal dolore che molto probabilmente stai avvertendo.

Il mirtillo nero

Forse è più utile in forma preventiva che quando il livido è già comparso, ma i mirtilli, in particolare quelli neri, sono ricchi di flavonoidi, tannini e vitamina C. Tutte queste sostanze vanno ad agire direttamente su capillari e vasi sanguigni, rafforzando le loro pareti e migliorando la loro elasticità. Mangiare mirtilli di frequente fa dunque molto bene alla circolazione e, in caso di ematoma, ne può velocizzare la scomparsa.