Vai in ufficio in bicicletta? Ecco 10 cose che devi sapere

Ti sei finalmente deciso ad andare in ufficio sulla tua due ruote. Sei sicuro di esserti organizzato bene prima di affrontare l’impresa? Ecco un breve decalogo con alcuni consigli e suggerimenti per organizzare al meglio il tuo personalissimo bike to work.
Gaia Cortese 6 settembre 2020

Io lo dico sempre: settembre è il mese dei buoni propositi. Sei rientrato dalle vacanze, ti sei rimesso discretamente in forma e ora, alla ripartenza di tutte le attività, incluse quelle lavorative, vuoi metterti alla prova e sostituire l'auto con la bicicletta. Chapeau! L'intenzione è sicuramente buona, fondamentale è metterla in pratica nel modo migliore.

Considera innanzitutto che andare in ufficio pedalando, ti permetterà non solo di mantenerti in forma, ma anche di evitare il traffico cittadino, di non rischiare di arrivare in ritardo in ufficio, di non stressarti fin dal primo mattino e anche di risparmiare una certa cifra.

Se temi che l'impresa sia ardua, considera che se la distanza tra casa e ufficio non supera i 20 km, puoi farcela senza problemi: con una velocità moderata e un po' di allenamento, per arrivare a destinazione non impiegherai più di una quarantina di minuti. D'altronde, quanto ci metteresti in auto? Ma siccome non voglio mandarti allo sbaraglio, vorrei assicurarmi che tu leggessi i seguenti 10 punti prima di montare in sella: aspetti che devi valutare, consigli e suggerimenti da mettere in pratica per il miglior bike to work.

Che tipo di strada devi percorrere

La prima cosa da fare è valutare la strada che dovrai percorrere, in modo da scegliere la bici più appropriata. Se abitualmente usi il treno o la metropolitana e devi percorrere pochi chilometri in città, una bici pieghevole potrebbe essere un buon compromesso visto che non ingombra e non paga l’extra biglietto sui mezzi pubblici. Se invece devi attraversare la città da un capo all’altro perché abiti in periferia, devi valutare la condizione in cui si trovano le strade che dovrai percorrere: se ci sono ciclabili puoi optare per una comoda city bike, ma in presenza di pavé o strade accidentate, scegli una mountain bike o una bike trekking,

Usa le corsie dedicate

Nella scelta del percorso da fare per raggiungere il tuo ufficio cerca di approfittare delle ciclabili e delle corsie dedicate, così da viaggiare non solo più in sicurezza, ma anche con maggior piacere.

Dove puoi posteggiare la tua bici

Valuta anche dove puoi lasciare la tua bici una volta raggiunta la destinazione. Se devi portartela su per le scale, scegli una bici pieghevole, o in alternativa anche una city bike che in alcuni casi può essere caricata in ascensore, sempre che i regolamenti condominiali o dell’edificio in cui lavori lo consentano. Se poi trovi un posteggio dedicato alle due ruote, meglio ancora: non avrai alcuna restrizione sulla scelta del tuo mezzo.

Accessori per la bicicletta obbligatori

Il Codice della Strada rende obbligatori, per chi si muove in bicicletta, le luci (anteriori e posteriori), i catarifrangenti (posteriori e sui pedali) e il campanello. Assicurati che la tua bicicletta ne sia dotata.

Renditi visibile

Non dare per scontato che in strada tutti ti vedano come dovrebbero: la regola è renderti il più visibile possibile (nei limiti della decenza), pertanto dovresti indossare sempre nelle ore di buio un giubbetto riflettente. Non solo. Da mezz’ora prima del tramonto a mezz’ora dopo l’alba, dovresti anche accendere le luci della bicicletta.

Indossa il casco

Per il Codice della Strada il casco non è obbligatorio dopo i 12 anni, pertanto in questo caso ciascuno fa le proprie scelte. Tuttavia un po’ di sicurezza in più in strada non guasta, quindi il mio personale consiglio è di indossarlo.

Procurati una borsa sotto sella

Ci sono attrezzi che dovrai portare sempre con te in bicicletta. Oltre al giubbetto riflettente già menzionato, ti sarà utile uno spray per riparare le forature e un lucchetto a prova di ladro per "legare" la tua bicicletta. Per questi oggetti una borsa sotto sella è davvero l'ideale, non ingombrante e assolutamente pratica.

Pensa anche ad una bike bag

Diverso è il discorso per tutto quello che devi portarti dietro per recarti in ufficio: dal computer alla lunch box. dalla borraccia termica ad altri effetti personali. In questo caso puoi attrezzare il tuo mezzo con una comoda bike bag, che sia leggera, poco ingombrante e possibilmente anche impermeabile per affrontare le giornate di pioggia.

Attrezzati per la pioggia

Mi auguro che nel momento in cui hai pensato di andare in bicicletta in ufficio, tu abbia pensato anche ai giorni in cui il meteo non è affatto clemente. Pioggia e vento potrebbero demoralizzarti e spegnere ogni tua buona iniziativa, ma se ti attrezzi anche per questa evenienza, non avrai problemi ad arrivare in ufficio completamente asciutto. Procurati quindi una mantella che ti copra da cima a fondo (mani comprese) o in alternativa opta per un completo giacca e pantaloni antipioggia.

Impara a pedalare

La più comune e diffusa scusa che si trova per non usare la bicicletta per andare al lavoro è il sudore. Se ci pensi bene, l'idea di arrivare in ufficio grondante di sudore non è affatto piacevole e per questo motivo, la maggior parte delle persone sceglie per spostarsi i mezzi pubblici, l'auto, la moto o lo scooter. La verità è che c'è anche un modo per pedalare e non sudare eccessivamente: se la distanza che devi percorrere non è esagerata (non supera i 10 km), se pedali piano e usi un rapporto leggero, imparando a dosare le tue forze, non arriverai in ufficio come se avessi appena percorso una tappa del Tour de France in salita.