Bere aceto di mele può nuocere alla salute?

Sono moltissime le persone che scelgono di bere un po’ di aceto di mele diluito nell’acqua per aiutare la perdita di peso. Ma fa davvero bene? Si tratta di un prodotto sicuro, ma bisogna fare molta attenzione alle quantità perché ovviamente possono esserci degli effetti collaterali poco piacevoli.
Valentina Rorato 14 luglio 2020
* ultima modifica il 15/07/2020

L’aceto di mele è noto per avere numerosi benefici per la salute e per essere un rimedio naturale estremamente versatile. Ovviamente, questo prodotto – molto acido – potrebbe avere anche degli effetti collaterali, importanti da tenere in considerazione soprattutto se hai intenzione di inserirlo nella tua dieta quotidiana non come semplice condimento, ma come bevanda.

Che cos'è l'aceto di mele?

L'aceto di mele è un aceto alimentare ricavato dalla fermentazione del sidro o del mosto di mele. Si ottiene grazie all'aggiunta di lieviti, che fanno in modo di convertire lo zucchero delle mele in alcol. In un secondo momento, si aggiungono anche dei batteri acidificanti affinché l’alcol venga convertito in acido acetico e acido malico. L'acido acetico costituisce circa il 5-6% dell’ aceto di mele. È classificato come "acido debole", ma ha ancora proprietà acide abbastanza forti quando è concentrato. Proprio a questa sostanza sono attributi i noti benefici per la salute (perdita di peso, riduzione della glicemia e del colesterolo). Se piccole quantità di aceto possono fare bene, è vero che berne troppo potrebbe favorire degli effetti collaterali. Quali?

Svuotamento ritardato dello stomaco

L’aceto di mele previene il famigerato picco glicemico, riducendo la velocità con cui il cibo lascia lo stomaco per raggiungere il tratto digestivo inferiore. Tuttavia, questo effetto può peggiorare i sintomi della gastroparesi, una condizione comune nelle persone con il diabete di tipo 1. I sintomi di questo disturbo sono: bruciore di stomaco, gonfiore e nausea.

Problemi digestivi

Come sai l’aceto di mele si utilizza per perdere peso, perché si pensa che riduca l’appetito. I suoi effetti dimagranti non sono però dimostrati. In più questa caratteristica potrebbe non essere sempre un bene, soprattutto se non hai problemi di linea. Se ne consumi troppo (e lo bevi), potresti avvertire una sensazione fastidiosa di pienezza e una forte nausea.

Erosione dello smalto

Le bevande acide possono danneggiare lo smalto dei denti. L'acido acetico nell'aceto, come abbiamo anticipato, è un acido debole e quindi il suo effetto erosivo non è forte. Se però ne consumi troppo e non ti lavi subito i denti, potrebbe indebolire lo smalto dentale e portare alla perdita di minerali e favorire lo sviluppo di carie.

Interazioni farmacologiche

Alcuni farmaci possono interagire con l'aceto di mele, quindi prima di assumerlo consulta il tuo medico, soprattutto se soffri di diabete (contiene cromo, che può alterare i livelli di insulina nel sangue), se stai assumendo farmaci per ridurre i livelli di potassio o diuretici.

Come consumare in modo sicuro l'aceto di mele

L’aceto di mele è un prodotto sicuro, la cosa importante è cercare sempre di essere moderati, quindi non esagerare con le dosi. Non ci saranno effetti collaterali se la dose quotidiana è inferiore ai 30 ml al giorno (2/3 cucchiai da minestra). Inoltre, se lo bevi (anche diluito con l’acqua), ricordati di lavarti sempre i denti. E ovviamente non consumarlo in caso di gastroparesi, acidità di stomaco, gastrite o allergie.

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.