Che cosa sono il placebo e come si produce il famoso effetto placebo?

Un trattamento medico (una compressa come un’iniezione) che sembra vero ma non lo è, si chiama placebo. Ciò che tutti i placebo hanno in comune è che non contengono una sostanza attiva destinata a influire sulla salute. Non è un inganno per giocare con le vite delle persone, ma una sostanza inerte che si usa nella sperimentazione di farmaci nuovi (e non solo).
Valentina Rorato 15 Gennaio 2021
* ultima modifica il 21/01/2021

Hai mai pensato a quanto sia potente la tua mente? Ha un’influenza davvero forte sul corpo e sulla sua guarigione. A volte può persino indurti a credere che un trattamento falso, a base quindi di un placebo, abbia risultati terapeutici reali, un fenomeno noto come effetto placebo. Ma sai che cos’è un placebo e come funziona?

Che cos’è

Un placebo è una sostanza  o un intervento di altro tipo che non è noto per influenzare il problema che si deve curare e non è in grado di alleviare il dolore. Di solito si tratta di una sostanza inerte, come una piccola compressa di zucchero.

I placebo vengono utilizzati negli studi per scoprire se l'effetto farmacologico di un farmaco include effettivamente o meno il sollievo dal dolore, se un vaccino stimola il sistema immunitario o se gli effetti prodotti dal farmaco potrebbero essere correlati a processi psicologici genericamente chiamati effetto placebo.

Generalmente non vengono utilizzati nella medicina clinica e la ragione di ciò è che ai pazienti a cui viene somministrato un placebo non si può dire che stanno somministrando un placebo perché ciò impedirebbe che possa provocare l'effetto placebo. In altre parole, il placebo ha la potenza per funzionare solo se una persona non sa che sta ricevendo una compressa che non ha alcun effetto sul corpo. È un inganno della mente.

L'effetto placebo

L'effetto placebo è molto più che un semplice pensiero positivo. È , infatti, definito come un fenomeno in cui alcune persone sperimentano un beneficio dopo la somministrazione di una sostanza inerte o trattamento inattivo. Durante la cura “finta”, a volte, il placebo ha la forma di una pillola (compressa di zucchero), ma può anche essere un'iniezione (soluzione salina).

Perché le persone sperimentano cambiamenti reali a seguito di falsi trattamenti? Le aspettative del paziente possono giocare un ruolo significativo. Più una persona si aspetta che il trattamento funzioni, più è probabile che mostri una risposta al placebo.

Nella maggior parte dei casi, la persona non sa che il trattamento che sta ricevendo è in realtà un inganno. La cura è progettata per sembrare esattamente come un vero trattamento, sia che si tratti di una pillola, di un'iniezione o di un liquido consumabile.

Come si usa

Il placebo viene usato soprattutto nella ricerca medica. Lo scopo di questa operazione è determinare l'efficacia del nuovo trattamento (un farmaco, come un vaccino. In questo periodo si è parlato molto della sperimentazione per il vaccino anti covid 19). Se i partecipanti che assumono il farmaco effettivo dimostrano un miglioramento significativo rispetto a quelli che assumono il placebo, lo studio può aiutare a sostenere l'affermazione dell'efficacia del farmaco.

Sebbene un placebo non abbia alcun effetto sulla malattia, può avere un effetto molto reale su come si sentono alcune persone. La forza di questo effetto dipende da una varietà di fattori:

  • La natura della malattia
  • Con quanta forza il paziente crede che il trattamento funzionerà
  • Il tipo di risposta che il paziente si aspetta di vedere
  • Il tipo di messaggi positivi che un medico trasmette sull'efficacia del trattamento
  • I geni possono anche influenzare il modo in cui le persone rispondono ai trattamenti con placebo. Pare infatti che alcune persone siano geneticamente predisposte a rispondere bene ai placebo.

I vantaggi

Il principale vantaggio dell'utilizzo di un placebo (che ovviamente deve essere somministrato segretamente) durante la valutazione di un nuovo farmaco è che indebolisce o elimina l'effetto che le aspettative possono avere sul risultato. Se i ricercatori si aspettano un determinato risultato, possono inconsapevolmente fornire indizi ai partecipanti su come dovrebbero comportarsi. Ciò può influire sui risultati dello studio.

Le cause

Quali sono le cause dell’effetto placebo? Nessuno ancora lo ha capito. Sono in corso ricerche sul motivo per cui alcune persone sperimentano cambiamenti anche quando ricevono solo una sostanza inerte.

L'effetto Nocebo

Esiste poi l’effetto Nocebo. Di che cosa si tratta? Alcuni individui possono manifestare più sintomi o effetti collaterali in risposta a un placebo. È un evento psicosomatico negativo dovuto alla scarsa fiducia nella terapia o nel medico. Il paziente potrebbe soffrire di nausea, vomito, mal di testa o anche di febbre. Sono tutti sintomi scatenati da una forma di ansia.

Fonti | Aifa; Humanitas

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.