Combatti la pressione bassa con la dieta: gli alimenti che ti aiutano a sentirti un po’ più in forze

Le pratiche qui descritte non sono accettate dalla scienza medica, non sono state sottoposte a verifiche sperimentali condotte con metodo scientifico o non le hanno superate. Queste informazioni hanno solo un fine illustrativo.
La pressione bassa può farti sentire stanco e debole. Se la tua non è una condizione patologica, ti basterà correggere alcune abitudini quotidiane per sentirti meglio e, ovviamente, devi fare molta attenzione alla dieta. Esistono per esempio degli alimenti, ricchi di vitamine B12 e B9, in grado di aiutarti a gestire la pressione bassa.
Valentina Rorato 21 Agosto 2020

La pressione bassa, nota anche come ipotensione, si verifica quando la lettura della pressione sanguigna è inferiore a 90/60 mmHg. Come ti accorgi  di non essere in forma a causa di questo problema? I sintomi sono abbastanza facili da riconoscere, potresti soffrire di vertigini, visione offuscata, svenimento e sonnolenza. Esistono, però, degli alimenti che possono aiutarti ad alzare un po’ la pressione, quanto basta per sentirti in forze. Di seguito qualche consiglio dietetico e di stile di vita.

Bevi acqua

La disidratazione riduce il volume del sangue, provocando un calo della pressione sanguigna. Rimani quindi idratato, bevendo acqua (1,5/2 litri). E se l’acqua non dovesse piacerti, prova con delle tisane o degli infusi.

Alimenti ricchi di vitamina B12

Troppa poca vitamina B12 può causare anemia, che può provocare bassa pressione sanguigna e farti sentire molto stanco. Mangia dunque uova, cereali fortificati e un po’ di carne.

Alimenti ricchi di folati

I folati (vitamina B9) sono contenuti in asparagi, fagioli, lenticchie, agrumi, verdure a foglia verde, uova e fegato. Una carenza di folati può avere molti degli stessi sintomi di una carenza di vitamina B12, causando anemia che porta a un abbassamento della pressione sanguigna.

Sale

I cibi salati possono aumentare la pressione sanguigna. Non devi esagerare con le dosi, ma quando ti gira la testa potresti scegliere di mangiare una manciata di noccioline, un po’ di prosciutto crudo, del formaggio stagionato o qualche oliva in salamoia.

Caffè

Il caffè e il tè contengono caffeina, sostanza che può aumentare temporaneamente la pressione sanguigna stimolando il sistema cardiovascolare e la frequenza cardiaca. Un paio di espressi al giorno non ti faranno male.

Riduci i carboidrati raffinati

Gli alimenti ad alto contenuto di zuccheri, in particolare i carboidrati raffinati e gli zuccheri semplici, tendono a digerirsi molto rapidamente rispetto a quelli integrali. Questo può portare a cali improvvisi della pressione sanguigna. Se puoi, consuma solo carboidrati non raffinati.

Elimina l’alcol

Nei periodi in cui soffri di pressione bassa, magari in estate quando fa molto caldo, riduci o elimina gli alcolici. Bere alcol disidrata e, come ben sai, abbassa la pressione sanguigna riducendo il volume del sangue.

Fai pasti più piccoli

Quando mangi troppo, il tuo corpo richiede molta più energia per digerire, il che può far precipitare la pressione sanguigna. Non è quindi consigliato saltare i pasti, ma devi ridurre le porzioni e magari mangiare più spesso nell’arco della giornata.

Liquirizia

Mangiare liquirizia o bere un tè o infuso a base di questa radice aiuta la pressione. Come mai? Può mimare l'effetto dell'aldosterone, l'ormone che aiuta a regolare l'impatto del sale sul corpo.

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.