In tandem o in solitaria, con le gambe a penzoloni: il bello di volare in parapendio

Sport estremo? Non proprio. Il parapendio ha i suoi rischi (davvero pochi), dovuti soprattutto all’inesperienza o alla valutazione scorretta di specifiche condizioni meteo. Tuttavia, da diversi anni, questo sport è considerato alla portata di tutti e di tutte le età. Il consiglio è quello di provare almeno un volo in tandem con l’istruttore.
Rubrica a cura di Gaia Cortese
1 Febbraio 2021

L'idea del volo libero porta subito a pensare a un livello elevato di rischio. Tuttavia considerare il parapendio uno sport estremo è un po' azzardato perché difficilmente lo si può paragonare a passeggiate in bilico su una corda sul Grand Canyon, ad arrampicate su cascate di ghiaccio o ad immersioni in acqua a profondità inconcepibili.

Il parapendio è una pratica sportiva all'aria aperta che si può apprendere seguendo un corso base in una scuola dedicata. Di norma un corso dura dai 4 ai 6 mesi ed è organizzato in fasi istruttive pratiche accompagnate da lezioni teoriche in aula.

Senza voler frequentare a tutti i costo un corso, puoi anche provare l'emozione di volare con le gambe a penzoloni, facendo un volo in tandem con un istruttore. Cosi facendo, potrai apprezzare tutta la bellezza del volo libero, senza preoccuparti di come comandare il parapendio e, soprattutto, di come arrivare a terra.

Il parapendio

Cos'è

Se la prima scuola di parapendio nasce nei primi anni Ottanta, i primi voli con questo tipo di paracadute vengono già fatti nel ’72 negli Stati Uniti quando, per via di un esperimento di un gruppo di paracadutisti che volevano fare dei test per verificare l’efficienza e il funzionamento dei loro paracadute. Così i primi lanci vengono fatti dai dei trampolini di lancio da sci, e non lasciano delusi il gruppo di paracadutisti.

I successivi voli, vengono fatti in Europa, precisamente in Francia, sei anni dopo: dalla collina di Pertuiset, a Mieussy, un piccolo villaggio dell'Alta Savoia, alcuni paracadutisti si lanciano per allenare la precisione di atterraggio e, in pochi anni, numerosi altri paracadutisti di Francia e Navarra li imitano.

Nel 1986 c’è un vero boom di appassionati di parapendio. Nelle valli alpine non si contano più i voli con queste enormi vele, le scuole di deltaplano si convertono in scuole di parapendio, ma purtroppo tutto viene fatto senza regole, senza nessuna conoscenza in materia di aerologia e soprattutto senza casco. Solo negli anni a seguire le Federazioni di volo, prima in Francia e poi in altri Paesi, iniziano a dettare qualche regola e a gestire meglio questa disciplina sportiva: si formano istruttori, vengono rilasciati brevetti e nascono dei veri e propri circuiti per le competizioni.

Attrezzatura

Cosa ti serve per un volo  in parapendio? Solo una sacca, con dentro tutto il necessario, che ha un peso variabile dai 3 ai 25 kg. La sacca ovviamente deve contenere il parapendio (o vela o ala), l'imbrago (o selletta) e il casco.

La vela del parapendio è fabbricata in un materiale molto resistente ed è è costituita da una serie di cassoni che, gonfiandosi d'aria, mantengono gonfia l'intera struttura dell'ala. Ai bordi laterali di questa vela, sono collegati i comandi (o freni) per permettere di dare una direzione di volo.

Se ti trovi al comando di un parapendio, probabilmente sarai seduto in un imbrago, o selletta, a cui sono agganciati due cavi funicolari tramite dei moschettoni, e saresti legato all'imbrago attraverso due cosciali e un pettorale. Questa selletta è fondamentale per poter volare con il parapendio perché non solo garantisce una certa comodità, ma contribuisce al controllo della vela, determinato non solo dai comandi ma anche dagli spostamenti del corpo.

Infine, non serve mai, ma deve esserci sempre, in un'attrezzatura per il parapendio, un paracadute di riserva ci vuole sempre ed è collegato all'imbrago.

Rischi

Il parapendio è pericoloso? Dire di no, come dire di sì, sarebbe ugualmente sbagliato. Anche perché se il rischio esiste anche nel mettersi alla guida della propria automobile e imboccare l'autostrada, anche lanciarsi in corsa lungo un pendio per prendere il volo attaccato a una vela, comporta un certo rischio.

"Il parapendio è uno sport che può essere praticato in tutta sicurezza – spiega in questo articolo Federico Soldati, co-fondatore di FlyTicino . Quando voli col parapendio, ciò che ti circonda è il cielo. Uno spazio enorme, privo dei numerosi ostacoli che potresti trovare sulle strade. Anche le fasi di atterraggio e di decollo non presentano grandi rischi. Certo, a seguito di un atterraggio mal eseguito ci si potrebbe procurare una slogatura, ma questi inconvenienti accadono comunque di rado e si possono evitare allenandosi regolarmente e rafforzando così la propria esperienza.

Gli incidenti riportati dai media sono spesso dettati da una sopravvalutazione del proprio livello di abilità da parte del pilota, o da un'errata previsione delle condizioni atmosferiche. Per questo motivo bisogna affidarsi sempre a dei professionisti che conoscano nei minimi dettagli le condizioni climatiche ottimali per lanciarsi.  Oggigiorno le vele sono create con standard di sicurezza molto elevati e i controlli vengono effettuati regolarmente: gli incidenti legati ai materiali non avvengono praticamente più".

Questo articolo fa parte della rubrica
Con il segno zodiacale dei Gemelli, non potevo avere come unica passione quella della scrittura. Al piacere di spingere freneticamente tasti altro…