Ipossiemia, cosa succede quando hai livelli troppo bassi di ossigeno nel sangue

Quando il tuo corpo non ha abbastanza ossigeno, potresti soffrire di ipossiemia o ipossia. Sono due condizioni diverse che possono compromettere il funzionamento dei tuoi organi. Di solito quando c’è ipossiemia, ovvero basso ossigeno nel sangue arterioso, c’è anche ipossia, ovvero basso ossigeno nei tessuti.
Valentina Rorato 24 Novembre 2020
* ultima modifica il 17/12/2020

L’ipossiemia si verifica quando hai livelli troppo bassi di ossigeno nel sangue e può essere causata da molte cause diverse, dall’asma alla polmonite. È ovviamente una condizione grave, che richiede immediate cure mediche.

Che cos’è

Quando hai un livello di ossigeno inferiore al normale nel sangue, in particolare nelle arterie, si parla di ipossiemia. Come ben sai, il sangue trasporta l'ossigeno alle cellule in tutto il corpo per mantenerle in salute. L'ipossiemia può causare lievi problemi come mal di testa e mancanza di respiro. Nei casi più gravi, può interferire con la funzione cardiaca e cerebrale.

Per verificare questa condizioni si devono fare degli esami, come prelevare un campione di sangue da un'arteria per verificare l’ossigeno o misurare la saturazione dell' ossigeno del sangue utilizzando un pulsossimetro, un piccolo dispositivo che si aggancia al dito noto anche come saturimetro.

L'ossigeno arterioso normale è approssimativamente da 75 a 100 millimetri di mercurio (mm Hg). I valori inferiori a 60 mm Hg di solito indicano la necessità di ossigeno supplementare. Le normali letture del pulsossimetro di solito vanno dal 95 al 100 percento. I valori inferiori al 90 percento sono considerati bassi e soprattutto pericolosi.

Ipossia e ipossiemia

Ipossia e ipossiemia non sono sinonimi anche se queste parole si assomigliano e spesso vengono confuse. L’ipossiemia si riferisce a bassi livelli di ossigeno nel sangue, l‘ipossia si riferisce a bassi livelli di ossigeno nei tessuti del tuo corpo. Talvolta queste condizioni si possono verificare insieme. Generalmente, la presenza di ipossiemia suggerisce ipossia. Questo ha senso perché se i livelli di ossigeno sono bassi nel sangue, anche i tessuti del corpo probabilmente non ricevono abbastanza ossigeno.

Ipossiemia nei neonati

L'ipossiemia a volte può verificarsi nei neonati con difetti cardiaci congeniti o malattie. I neonati pretermine sono vulnerabili a questa condizione, in particolare se sono stati messi in un ventilatore meccanico.

Le cause

Le cause di ipossiemia possono essere numerose ma per comprenderle, prima di tutto, dobbiamo stabilire quali sono i fattori che normalmente permettono di fornire ossigeno alle cellule e ai tessuti del corpo.

Deve esserci abbastanza ossigeno nell'aria che stai respirando e i tuoi polmoni devono essere in grado di inalare l'aria contenente ossigeno ed espirare anidride carbonica. Il flusso sanguigno deve essere in grado di far circolare il sangue nei polmoni, assorbire l'ossigeno e trasportarlo in tutto il corpo. Questa è la condizione ottimale. Quando questo scambio gassoso si altera, il corpo va in sofferenza.

Perché ci sia ipossiemia deve mancare una delle condizioni appena suggerite. E il motivo potrebbe essere:

  • alta quota
  • assunzione di farmaci, come alcuni narcotici e anestetici, che deprimono la respirazione
  • esercizio fisico estremo
  • asma
  • apnea notturna
  • sindrome da distress respiratorio acuto
  • difetti cardiaci congeniti nei bambini
  • cardiopatia congenita negli adulti
  • broncopneumopatia cronica ostruttiva
  • enfisema
  • malattia polmonare interstiziale
  • polmonite
  • pneumotorace
  • Edema polmonare
  • Embolia polmonare
  • Fibrosi polmonare

I sintomi

Se sei colto da ipossiemia potresti manifestare i seguenti sintomi:

  • fiato corto
  • tosse o respiro sibilante
  • mal di testa
  • battito cardiaco accelerato
  • sensazione di confusione o disorientamento
  • una colorazione blu per la pelle, le labbra e le unghie

La diagnosi

La prima cosa che farà il medico per diagnosticare l'ipossiemia, è un esame fisico durante cui controllerà il tuo cuore e i tuoi polmoni. Può anche voler controllare il colore della pelle, delle unghie o delle labbra. Poi utilizzerà un pulsossimetro, ovvero un sensore posizionato sul dito per misurare i livelli di ossigeno nel sangue. Altrimenti potrebbe prescrivere un emogasanalisi arteriosa, che utilizza un ago per prelevare un campione di sangue da un'arteria per misurare i livelli di ossigeno nel sangue, o un test di respirazione.

La cura

La cura per l’ipossiemia consiste prima di tutto nel garantire la giusta ossigenazione al paziente: bisogna riportare i livelli di ossigeno alla normalità e per farlo si utilizza l’ossigenoterapia. Ciò può comportare l'uso di una maschera per l'ossigeno o di un piccolo tubo fissato al naso per ricevere ossigeno supplementare. Se poi è provocata da un’infezione, il medico dovrà stabilirne la natura (virale o batterica) e prescrivere una terapia farmacologica di conseguenza.

Fonte | Msd Manuals 

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.