Miomi uterini: che cosa sono e come si curano

I miomi, detti anche più comunemente fibromi, sono delle masse di tessuto muscolare e fibroso che possono crescere nell’utero. Non sono tumori maligni, ma possono comunque dare dei problemi.
Valentina Rorato 22 Gennaio 2022
* ultima modifica il 22/01/2022

Il mioma uterino è un fibroma, ovvero escrescenze non cancerose dell'utero che compaiono spesso durante l'età fertile. Non sono associati a un aumentato rischio di cancro e quasi mai lo diventano. Quasi si devono curare e quali sono i sintomi?

Che cos’è

I miomi, detti anche fibromi o leiomiomi, sono piccole masse solide non cancerose che possono svilupparsi all'interno o intorno all'utero. Costituiti in parte da tessuto muscolare, si manifestano raramente nella cervice, ma quando lo fanno, di solito ci sono miomi anche nella zona più grande e superiore dell'utero.

Vengono diagnosticati nella maggior parte dei casi durante un esame pelvico e quelli che causano sintomi possono essere rimossi chirurgicamente o con procedure meno invasive. Colpiscono il 20% delle donne in età fertile.

Sintomi

Molte donne che hanno fibromi non hanno alcun sintomo. E quando invece avverto dei fastidi, potrebbero dipendere dalla posizione, dalle dimensioni e dal numero dei fibromi. I più frequenti sono:

  • Sanguinamento mestruale abbondante
  • Periodi mestruali che durano più di una settimana
  • Pressione o dolore pelvico
  • Minzione frequente
  • Difficoltà a svuotare la vescica
  • Stipsi
  • Mal di schiena o dolori alle gambe

I grandi miomi possono bloccare parzialmente il tratto urinario o possono rigonfiarsi nella vagina, situazione che porta al prolasso. E proprio qui possono formarsi delle piaghe, che a loro volta possono infettarsi, sanguinare o entrambi. I miomi prolassati possono anche bloccare il flusso di urina.

Tipi di miomi

I mioma sono generalmente classificati in base alla loro posizione. Ecco i tipi di fibromi più frequenti:

  • I fibromi intramurali sono i più frequenti e crescono nella parete dell'utero.
  • I fibromi sottosierosi crescono nella parete esterna dell'utero. Man mano che crescono più grandi, possono causare pressione sugli organi vicini o dolore a causa delle loro dimensioni.
  • I fibromi sottomucosi crescono appena sotto il rivestimento uterino e possono spingersi nella cavità uterina, causando forti emorragie e altre complicazioni più gravi.
  • I fibromi peduncolati crescono su piccoli steli o steli all'interno o all'esterno dell'utero.
  • I fibromi intracavitari crescono nella cavità uterina.

Cause

I medici non conoscono la causa dei miomi, ma la ricerca e l'esperienza clinica indicano questi fattori:

  • Cambiamenti genetici. Molti fibromi contengono cambiamenti nei geni che differiscono da quelli nelle tipiche cellule muscolari uterine.
  • Ormoni. L'estrogeno e il progesterone, due ormoni che stimolano lo sviluppo del rivestimento uterino durante ogni ciclo mestruale in preparazione alla gravidanza, sembrano promuovere la crescita dei fibromi. I miomi contengono più recettori degli estrogeni e del progesterone rispetto alle tipiche cellule muscolari uterine. Tendono a ridursi dopo la menopausa a causa della diminuzione della produzione ormonale.

Fattori di rischio

Ci sono pochi fattori di rischio noti per miomi uterini, oltre all'essere una donna in età riproduttiva.

  • Razza. Le donne di colore hanno maggiori probabilità di avere fibromi rispetto alle donne di altri gruppi razziali.
  • Eredità.
  • Sviluppo precoce
  • Obesità
  • Carenza di vitamina D
  • Dieta più ricca di carne rossa e povera di verdure, frutta e latticini;
  • Bere alcolici, compresa la birra, sembra aumentare il rischio di sviluppare fibromi.

Gravidanza e miomi

I miomi di solito non interferiscono con la gravidanza. Tuttavia, è possibile che i fibromi, in particolare i fibromi sottomucosi, possano causare infertilità o interruzione della gravidanza. Inoltre, possono aumentare il rischio di alcune complicazioni della gravidanza, come distacco della placenta, restrizione della crescita fetale e parto pretermine.

Diagnosi

I miomi uterini spesso sono diagnosticati casualmente durante un esame pelvico di routine. Il medico potrebbe avvertire irregolarità nella forma dell'utero. E di conseguenza dovrebbe eseguire un'ecografia per confermare la diagnosi e per mappare e misurare i fibromi.

In caso di sanguinamento mestruale anormale, il ginecologo può prescrivere altri test per indagare sulle potenziali cause. Questi potrebbero includere un esame emocromocitometrico completo (CBC) per determinare se soffri di anemia a causa della perdita e altri esami del sangue per escludere disturbi emorragici o problemi alla tiroide.

Se l'ecografia tradizionale non fornisce informazioni sufficienti, può ordinare altri studi di imaging, come ad esempio la risonanza magnetica, isterosonografia, chiamata anche ecografia per infusione salina, l'isterosalpingografia, che utilizza un colorante per evidenziare la cavità uterina e le tube di Falloppio sulle immagini a raggi X, e l’isteroscopia, durante cui il medico inserisce un piccolo telescopio illuminato chiamato isteroscopio attraverso la cervice nell'utero.

Cura

La maggior parte dei miomi non ha bisogno di cura, ma circa un terzo delle donne con fibromi uterini dovrà seguire un trattamento, che potrebbe prevedere:

  • Contraccezione ormonale.
  • Un dispositivo intrauterino.
  • Antifibrinolitici
  • Agenti non steroidei.

Le procedure più invasive sono l'ablazione endometriale e la miomectomia, durante cui un tubo sottile chiamato endoscopio viene fatto passare nell'utero attraverso la cervice. Il fibroma viene rasato e rimosso lasciando intatto l'utero. Può ridurre i fibromi, che possono però ricrescere. Potrebbero anche proporti la chirurgia ecografica guidata e l'embolizzazione dei fibromi uterini, un'opzione minimamente invasiva che blocca l'afflusso di sangue ai fibromi, provocandone il restringimento e la morte.

Prevenzione

Prevenire un mioma è difficile, ma non impossibile. Fare scelte di vita sane, come mantenere un peso corretto e mangiare frutta e verdura, potrebbe aiutarti a ridurre il rischio. Inoltre, alcune ricerche suggeriscono che l'uso di contraccettivi ormonali può essere associato a un minor rischio di fibromi.

Fonte | Clinica Cellini; MsdManuals

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.