Non riesci a dormire bene? Ecco qualche cibo che potrebbe aiutarti

Le pratiche qui descritte non sono accettate dalla scienza medica, non sono state sottoposte a verifiche sperimentali condotte con metodo scientifico o non le hanno superate. Queste informazioni hanno solo un fine illustrativo.
Per riposare in modo corretto, talvolta, bisogna solo fare attenzione allo stile di vita. L’elisir del buon sonno prevede: un po’ di sport, delle attività rilassanti per staccare la mente, non utilizzare dispositivi digitali prima di addormentarsi e fare attenzione alla dieta. La dieta? Non solo devi evitare di consumare pasti pesanti e difficili da digerire, ma favorire il consumo di cibi che possono aiutarti a rilassarti.
Valentina Rorato 28 Aprile 2020

Dormire bene è fondamentale perché ti permette non solo di affrontare la giornata con la giusta energia fisica e mentale, ma di rispettare i cicli circadiani, quindi l’alternarsi in modo equilibrato di veglia e riposo, di prevenire numerose malattie, come l’obesità, il diabete, ma anche le patologie cardiovascolare. Inoltre, migliora la digestione, rafforza il sistema immunitario ed è un’ottima arma contro la depressione.

Ma quanto bisogna dormire? Si consigliano generalmente tra le 7 e le 9 ore di sonno ininterrotto ogni notte, anche se molte persone fanno fatica a centrare questo obiettivo. Esistono diverse strategie che puoi utilizzare per favorire il buon riposo e sicuramente tra le più importanti ci deve essere un’attenzione speciale alla dieta, perché ci sono alimenti che promuovono il sonno. Come mai? Contengono sostanze chimiche e nutritive, aminoacidi, enzimi e ormoni che lavorano insieme per favorire la regolarità del tuo orologio biologico. Devi puntare quindi sul consumo quegli alimenti fonti di questi composti. Quali sono?

10 cibi da mangiare per dormire meglio

Mandorle

Le mandorle sono ricche di melatonina, un ormone che aiuta a regolare il ciclo del sonno e della veglia. Per favorire il sonno e il rilassamento muscolare, basta davvero poco: una decina di mandorle sono più che sufficienti.

Carboidrati complessi

Evita il pane bianco, la pasta raffinata e i prodotti da forno, che possono ridurre i livelli di serotonina e compromettere il sonno. Invece, scegli i cereali integrali magari da spizzicare proprio prima di dormire, come i cracker integrali.

Latte caldo

Il latte caldo è un rimedio casalingo comune per l'insonnia. Contiene quattro composti che favoriscono il sonno: triptofano, calcio, vitamina D e melatonina. Inoltre, è considerato un comfort food e molto spesso la sua azione è soprattutto a livello psicologico, perché stimola ricordi infantili.

Kiwi

Il kiwi contiene molti composti che favoriscono il sonno, tra cui melatonina, antociani, flavonoidi, carotenoidi, potassio, magnesio e folati. Ricordati che è ricchissimo anche di vitamina C, fondamentale per stimolare il sistema immunitario.

Camomilla

L’infuso di camomilla è un rimedio tradizionale per l' insonnia. Pare che ad agire sul rilassamento sia un composto flavonoide chiamato apigenina, che sembra attivare i recettori del GABA A, un processo che aiuta a stimolare il sonno. Non ci sono sufficienti documentazioni scientifiche su questa teoria. Sta di fatto che il rito della tisana può conciliare il sonno.

Ciliegie

Tra la frutta che aiuta il buon riposo, ci anche le ciliegie, grazie al loro contenuto di melatonina, triptofano, potassio e serotonina. Le amarene, inoltre, sono ricche di fibre, vitamina C e vitamina E. Come rinunciare a uno spuntino così goloso e salutare?

Pesce

I pesci grassi possono aiutare a migliorare il sonno perché sono una buona fonte di vitamina D e acidi grassi omega-3, due nutrienti che favoriscono l’equilibrio della serotonina, che è in gran parte responsabile di stabilire un ciclo sonno e veglia.

Lattuga

È l’insalata più comune ed economica ed è un’alleata del buon riposo notturno. Alcune persone affermano che abbia addirittura un lieve effetto sedativo-ipnotico. Gli esperti credono che il merito sia di un composto chiamato lattucina, che migliora i tempi di addormentamento. Una bella insalata a cena dovresti sempre inserirla nel tuo menù.

Miele

Il miele potrebbe aiutarti a dormire perché contiene glucosio che abbassa i livelli di orexina, un neurotrasmettitore che stimola l’attenzione. È stato anche dimostrato che consumarne un cucchiaino prima di coricarsi rifornisce, inoltre, il fegato di glicogeno.

Avena

L’avena non è un alimento adatto solo per la colazione, è uno spuntino serale perfetto. Oltre ad aiutarti a sentirti sazio, è un'altra fonte naturale di melatonina.