Vivere nella Stazione Artica Dirigibile Italia: Marco Casula racconta la quotidianità nella piccola comunità dell’Artico

Laboratori, piccole cucine, orsi polari fuori dalla porta e neve e ghiacciai dappertutto. La vita di un ricercatore che vive a Ny Ålesund, in Artico, è completamente diversa da tutto ciò a cui siamo abituati. Marco Casula, che in questo momento si trova lì, ce la racconta in prima persona.
Sara Del Dot 13 maggio 2020

Abbiamo conosciuto Marco Casula come l’unico ricercatore italiano rimasto bloccato in uno dei pochissimi luoghi al mondo in cui il Covid-19 non è mai arrivato. Tecnico del Consiglio Nazionale delle Ricerche e ricercatore presso l’Istituto per le Scienze polari, Marco da mesi vive a Ny-Ålesund, una piccolissima comunità di tecnici e ricercatori che dista 40 minuti di volo dal centro abitato più vicino. Un luogo in cui si lavora sempre, ci si alza prestissimo e si cena alle quattro e mezza del pomeriggio, ma in cui si svolgono studi importantissimi sull'impatto dei cambiamenti climatici e dell'inquinamento su neve e ghiaccio. Un luogo in cui si vive per amore del proprio lavoro e per il contributo che i professionisti come loro riescono a dare alla ricerca mondiale e ala salvaguardia del Pianeta. In questo video Marco ci racconta com'è la vita all'interno di un centro di ricerca ai confini del mondo.