Che cos’è il catarro e perché si forma

Il catarro è una sostanza vischiosa che si forma durante alcuni processi patologici dalle mucose delle vie respiratorie. Non è problema grave, ma può essere estremamente fastidioso, a tutte le età.
Valentina Rorato 15 Settembre 2022
* ultima modifica il 15/09/2022

Il catarro è una condizione comune, fastidiosa ma quasi sempre di breve durata. È un accumulo di muco, principalmente, nella parte posteriore della gola e può essere causato da infezioni, polipi nasali, raffreddore da fieno e altre allergie. Come si manifesta e quali sono le cure?

Che cos’è

Il catarro è un accumulo di muco nelle vie aeree o in alcune cavità del corpo. Di solito colpisce la parte posteriore del naso, i seni paranasali o la gola. Spesso è temporaneo, ma alcune persone lo sperimentano per mesi o anni. In questo caso, si parla di catarro cronico.

Il muco è una sostanza scivolosa e fluida prodotta dalle ghiandole mucose del naso e della gola. Aiuta a inumidire i passaggi nasali mentre intrappola eventuali detriti, virus o batteri che una persona inala. Questo aiuta a prevenire l'ingresso di agenti patogeni nel corpo, dove potrebbero causare un'infezione. Il corpo produce 1-2 litri di muco ogni giorno. Dopo la produzione, il muco gocciola lungo la parte posteriore del naso e nella gola. Il catarro può essere una seccatura e può essere difficile da eliminare, ma non è dannoso e ci sono cure disponibili.

I sintomi

I sintomi della presenza di catarro sono:

  • bisogno costante di schiarirsi la gola
  • sentendo che la tua gola è bloccata
  • naso chiuso o chiuso che non puoi eliminare
  • rinorrea
  • sensazione di muco che scorre lungo la parte posteriore della gola
  • tosse persistente
  • mal di testa o dolore facciale
  • senso dell'olfatto e del gusto ridotto
  • sensazione di crepitio nell'orecchio e una perdita temporanea dell'udito

Le cause

Il catarro è solitamente causato dal sistema immunitario che reagisce a un'infezione o irritazione, che fa gonfiare il rivestimento del naso e della gola e produce muco. La produzione può dunque essere scatenata da:

  • Infezioni virali
  • febbre da fieno o altri tipi di rinite allergica
  • rinite non allergica
  • polipi nasali
  • reflusso gastroesofageo (GER)
  • malattia da reflusso gastroesofageo (GERD)
  • cambiamenti ormonali durante la gravidanza
  • determinati farmaci
  • mangiare cibi piccanti

Non è chiaro cosa causi il catarro cronico. Può essere correlato a un'anomalia nel modo in cui il muco viaggia all'interno del naso o a una maggiore sensibilità al muco nella parte posteriore del naso e della gola.

La diagnosi

Non esiste un test di diagnosi del catarro. Sono sufficienti la presenza di muco e le sensazioni espresse dal paziente, per formulare la diagnosi. Esistono però esami specifici come i test per l'allergia, i test del flusso di muco e le radiografie TC dei seni che servono semmai per comprendere la causa scatenante.

La cura

La cura per il catarro è abbastanza semplice e di solito questo disturbo si risolve in pochi giorni. Molto spesso sono consigliati dei semplici trattamenti da banco, che prevedono le irrigazioni nasali o lavaggi nasali, per i più piccoli, e l’assunzione di decongestionanti orali e fludificanti. Nel caso di allergia, potrebbero essere necessari gli antistaminici, mentre se è un’infezione, il medico potrebbe consigliare antidolorifici, come paracetamolo o ibuprofene , per alleviare il mal di testa o il dolore facciale.

Per alleviare i tuoi sintomi, inoltre, ricordati di:

  • bere molta acqua
  • utilizzare un umidificatore per interni
  • inalare vapore, magari durante una doccia calda
  • fare gargarismi con acqua salata tiepida
  • usare una soluzione di acqua salata per pulire l'interno delle narici
  • dormire con la testa leggermente sollevata da cuscini

Parla con un medico se il tuo catarro persiste diventa difficile conviverci. Potrebbe voler escludere condizioni che potrebbero causarlo, come  polipi nasali  o allergie. Ciò potrebbe significare che devi essere indirizzato a uno specialista per i test.

Fonte | Humanitas

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.