È corretto assumere acido acetilsalicilico (l’aspirina) prima di un lungo viaggio in aereo?

Assumere farmaci antiaggreganti o anticoagulanti prima di un volo di lunga durata non è una cosa da sottovalutare. Se non prescritti da un medico, che ha valutato attentamente la situazione, possono portare a reazioni avverse gravi come un’emorragia.
Dott.ssa Chiara Speroni Dottoressa in Farmacia
20 Luglio 2022 * ultima modifica il 20/07/2022

Spesso quando prendiamo aerei per andare in posti tanto lontani e sognati ci preoccupiamo di eventuali problemi che potrebbero nascere durante il lungo viaggio. Tra i rischi più conosciuti, ad esempio, abbiamo la trombosi. Non vuol dire naturalmente che capiti a tutti, ma possono andare incontro a questo disturbo i soggetti che sono maggiormente predisposti.

A meno che tu stia viaggiando in first o business class, le altre classi sono caratterizzate da spazzi ristretti, soprattutto quelli vicino al finestrino. Potresti avvertire un senso di pesantezza e gonfiore alle gambe che puoi calmare alzandoti dal tuo posto e camminando per il corridoio, durante le fasi di volo in cui è consentito. Oppure, puoi eseguire alcuni esercizi che favoriscono la circolazione del sangue. Spesso si accede a video spiegazioni direttamente che trovi davanti al tuo sedile.

Il rischio di trombosi, però, esiste in ogni classe. E sai quale sia la complicanza di una trombosi? È l’embolia polmonare. Questa situazione si verifica quando sono interessate le vene profonde. Un coagulo, presente in queste vene, si stacca dal trombo e attraverso il flusso sanguigno raggiunge i polmoni, bloccando la circolazione e l’arrivo di ossigeno con conseguente sofferenza e morte delle cellule polmonari. In questo caso bisogna intervenire immediatamente poiché l’esito può anche essere fatale. Una persona che ha in atto un’embolia polmonare potrà manifestare un forte dolore toracico e difficoltà a respirare. Capisci come un intervento tempestivo sia fondamentale.

Perché in aereo?

Magari non ci hai mai fatto caso o non lo sai, ma in aereo abbiamo una minore concentrazione di ossigeno (a misurazione effettuata una volta chiusi i portelloni). Questa situazione porta a una condizione di ipossia con aumento della coagulazione del sangue e un ritorno venoso più difficile. A ciò si aggiunge anche la diminuzione del tasso di umidità che provoca disidratazione delle mucose. Il consiglio è dunque di bere spesso, ma non alcolici o bevande diuretiche perchè potrebbero accentuare la situazione.

I fattori predisponenti

Fattori individuali, oppure patologie pregresse, interventi chirurgici, o neoplasie. Le donne sono inoltre più predisposte rispetto agli uomoni, soprattutto se in gravidanza, se assumono contraccettivi orali o stanno seguendo terapie ormonali sostitutive. Infine, un soggetto obeso ne risente maggiormente rispetto a uno normopeso.

Inoltre, altri elementi a cui prestare attenzione sono:

  • viaggio di una durata superiore alle 6 ore
  • avere già avuto in passato una trombosi o un’embolia

Come me ne accorgo?

Puoi sospettare una trombosi quando durante o dopo un lungo volo una gamba inizia a gonifiarsi, cominci a sentire un forte dolore, paragonabile ad un crampo, che spesso è accompagnato da rossore diffuso oppure da un cordone duro e dolente lungo una vena.

Come si previene?

Possono essere diversi gli accorgimenti che puoi adottare durante il viaggio per ridurre il rischio di trombosi:

  • idratarti prima e durante il volo
  • eseguire esercizi di dorsiflessione della caviglia, stimolando la circolazione ematica
  • fare brevi e frequenti passeggiate
  • fare allungamento muscolare
  • prestare attenzione alle famose goccine per dormire, mentre dormi puoi assumere posizioni scorrette e non idratarti.
  • indossare un abbigliamento comodo
  • utilizzare calze a compressione graduata facilitando il flusso di sangue (in questo caso, ne avrai preventivamente parlato col tuo medico e ti avrà indicato quella più giusta per te)

E l'aspirina?

Sarà il tuo medico, che conoscendo le tue patologie, potrà prescriverti l’assunzione di farmaci per ridurre il rischio d’insorgenza di trombosi. Questo valuterà il rischio a sviluppare trombosi in rapporto al rischio di sanguinamento.

L’acido acetilsalicilico – o aspirina – non ha alcun tipo di prevenzione. Anzi non fare di testa tua nell’assumere questo farmaco perché come appena accennato potresti avere effetti indesiderati anche gravi (ad esempio emorragie). In alcuni soggetti potrebbe essere prescritta l’eparina. Anche in questo caso sarà stato il medico a valutare attentamente le condizioni di salute del paziente, la durata del viaggio, fattori predisponenti, e così via. Sicuramente avrai già sentito nominare questi farmaci per fluidificare il sangue. L'aspirina infatti è utilizzata come tromboprofilassi, ma solamente per i pazienti con un elevato rischio cardiovascolare (ad esempio post-infarto miocardico).

Laureata in Farmacia presso la facoltà di Scienze del Farmaco dell’Università degli Studi di Milano. Tesi svolta presso il laboratorio di altro…
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.