Soffri di prurito notturno soprattutto alle mani e ai piedi? Scopri le cause

Non riesci a dormire perché la notte sei assalito da un fastidioso prurito, che si manifesta in modo particolare alle mani e ai piedi. La regola numero uno è non farsi prendere dal panico perché parlandone con il medico può essere facilmente risolvibile. Ma quale potrebbe essere la causa?
Valentina Rorato 18 Agosto 2022
* ultima modifica il 30/08/2022

Il prurito notturno può disturbare moltissimo il sonno e, purtroppo, può essere il sintomo di un problema di salute. Non sempre, ovviamente, ha una causa patologia, ma è bene sempre indagare su quale sia l’origine affinché si possa affrontare e curare.

Cause

Dalle comuni condizioni dermatologiche allo stress quotidiano, il prurito può essere il risultato di molte cause.  Diversi aspetti di un ritmo circadiano sano, il nostro ciclo sonno-veglia di 24 ore , possono provocare cambiamenti alla pelle durante la notte, a volte provocando prurito senza eruzioni cutanee visibili.

Temperatura corporea 

Di notte, la temperatura corporea diminuisce grazie all'ipotalamo, una ghiandola essenziale nel cervello responsabile della regolazione della temperatura. Indica al corpo che deve attraversare una fase di raffreddamento naturale durante la fase del sonno con movimenti oculari non rapidi (NREM), che si verifica proprio quando inizi a sonnecchiare. Quando la pelle cede calore all'ambiente durante questa fase, possono aumentare le sensazioni pruriginose.

Disidratazione della pelle

La pelle perde passivamente l'umidità durante la notte, un processo chiamato perdita di acqua transepidermica. Ma quando la salute dello strato più esterno della nostra pelle (stratum corneum) è compromessa da condizioni cutanee esistenti come secchezza o dermatite atopica, può portare a un aumento del prurito.

Fluttuazione ormonale

 Gli ormoni neutralizzanti l'infiammazione, vale a dire il cortisolo, seguono il ritmo circadiano. Poiché la sua concentrazione è più bassa durante la sera e a mezzanotte, potresti avere meno aiuto per ridurre gli effetti infiammatori, aumentando il potenziale prurito notturno.

Età

Alcuni fattori naturali dell'invecchiamento possono contribuire al prurito notturno. La pelle secca, una diminuzione della funzione immunitaria e la degenerazione neurale possono aumentare l'irritabilità della pelle pruriginosa.

Infestazioni

Le infestazioni sono tra le cause più allarmanti del prurito notturno. Quali sono i problemi principali? Le cimici dei letti, ma anche la scabbia, una condizione pruriginosa della pelle causata dagli acari.

Reazione allergica a farmaci

Ognuno reagisce in modo diverso ai nuovi farmaci. Ci sono dei medicinali, che possono disturbare il fegato e causare prurito.

Policitemia vera

Il prurito è un sintomo comune della policitemia vera, una condizione causata dal midollo osseo che produce troppi globuli rossi, globuli bianchi e piastrine. La ricerca è ancora in corso sul meccanismo del perché i due sono collegati, ma oltre il 40% dei pazienti con policitemia vera avverte prurito, specialmente dopo la doccia (o dopo aver bagnato la pelle).

Malattie infiammatorie della pelle

Il prurito potrebbe anche indicare alcuni disturbi dermatologici comuni. Si noti che graffi eccessivi, indipendentemente dalla causa, possono causare ulteriore irritazione o chiazze coriacee della pelle chiamate Lichen simplex chronicus. Può inoltre essere causato da dermatite atopica, psoriasi e lichen planus.

Altre cause legate alla salute

  • Malattia del fegato
  • Malattia renale cronica
  • Disturbi del sangue
  • Prurito psicologico (ideazioni deliranti, depressione , schizofrenia , stress)
  • Abuso di sostanze
  • Sindrome delle gambe senza riposo
  • Uremia (un aumento del livello di urea nel sangue)
  • Colestasi
  • Linfoma di Hodgkin
  • Ipertiroidismo
  • Infezione da virus dell'immunodeficienza umana ( HIV ).

Prurito alle mani

Il prurito al palmo delle mani può essere particolarmente fastidioso e deve essere controllato perché spesso è il sintomo di una malattia. È collegato a eczema alle mani, reazioni allergiche da contatto (dai saponi ai disinfettanti), ma anche al diabete. In questo caso la pelle pruriginosa può apparire con o senza protuberanze rosse o color carne sui palmi e in altre aree del corpo.

Può essere causato da reazioni ai farmaci, cirrosi e disturbi nervosi, ma anche da disturbi della circolazione e problemi di pressione sanguignapatologie del sistema endocrino e/o della tiroide.  Nella sindrome del tunnel carpale, la pressione sul nervo mediano della mano provoca intorpidimento, debolezza, prurito e dolore alle mani. Il prurito o il disagio di solito iniziano nei palmi delle mani e si verificano più comunemente di notte.

Non è tutto, perché  può essere secondario a malattie del sistema nervoso, epatopatie, linfoma di Hodgkin e policitemia vera o può essere causato da disturbi renali o colestasi.

E' un problema frequente in gravidanza ed è un sintomo che devi segnalare al tuo medico, perché potrebbe essere causato da: colestasi gravidica, herpes gestationis e dermatite polimorfa della gravidanza. Potrebbe, però, essere provocato anche da transaminasi alte in gravidanza, gli sbalzi ormonali, la ritenzione idrica o la gestosi epatica.

Prurito ai piedi

La causa più comune di prurito ai piedi è il piede dell'atleta sulla pianta. La pelle in questa zona appare secca, desquamata e arrossata. Potrebbe essere scatenato anche da dermatite, soprattutto allergica e da una serie di problemi sistemici o dalla iperproduzione di serotonina, un neurotrasmettitore rilasciato dal cervello che induce la voglia di grattarsi. In questi casi, per alleviare il disturbo, il medico può prescrivere farmaci che blocchino la produzione di serotonina, ma naturalmente si tratterebbe solo di un rimedio sintomatico. Dietro il prurito e il rilascio di questo neurotrasmettitore potrebbero esserci:

  • Malattie del fegato
  • Colestasi, una condizione in cui la bile si riversa nel sangue
  • Tumori, come il linfoma di Hodgkin
  • Neuropatia periferica di origine diabetica
  • Policitemia rubra vera, una malattia rara genetica che si caratterizza per una abnorme produzione di globuli rossi
  • Malattie dei reni
  • Malattie endocrine, in particolare della ghiandola tiroide
  • Pruritum gravidarum, una condizione associata alla gravidanza

Quando si cura

Se il prurito notturno dura più di due settimane, devi parlarne con un medico. Dovrebbe essere valutato sei il disagio interferisce con il sonno, colpisce tutto il corpo o solo mani e piedi o è accompagnato da altri sintomi come febbre, stanchezza o perdita di peso. Il trattamento dipende dalla causa del prurito. Il medico può raccomandare farmaci da banco come creme corticosteroidi, farmaci per l'allergia o melatonina per aiutarti a dormire.

Fonte | Humanitas; Msd Manuals

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.