Trapianto di midollo osseo: quando si fa e perché

Il trapianto di midollo osseo è una terapia speciale per curare i malati di cancro o altre patologie che possono compromettere il sistema immunitario. Quali sono le procedure e gli eventuali rischi?
Valentina Rorato 14 Gennaio 2022
* ultima modifica il 14/01/2022

Il trapianto di midollo osseo consiste infondere cellule staminali ematopoietiche nel sangue per trattare alcuni tipi di cancro, come la leucemia, il mieloma e il linfoma e altre malattie del sangue e del sistema immunitario che colpiscono il midollo osseo. Le cellule sostitutive possono provenire dal tuo stesso corpo o da un donatore.

Che cos’è

Il trapianto di midollo osseo è una procedura che infonde cellule staminali sane che formano il sangue nel tuo corpo per sostituire il midollo osseo danneggiato o malato. È anche chiamato trapianto di cellule staminali. E possono essere effettuati utilizzando cellule del proprio corpo (trapianto autologo) o di un donatore (trapianto allogenico).

Tipi di trapianto

  • Trapianto autologo. Le cellule staminali per un trapianto autologo provengono dal tuo stesso corpo. A volte, il cancro viene trattato con una chemioterapia intensiva ad alte dosi o un trattamento radioterapico. Questo tipo di trattamento può danneggiare le cellule staminali e il sistema immunitario. Ecco perché i medici rimuovono o salvano le cellule staminali dal sangue o dal midollo osseo prima che inizi il trattamento del cancro. Dopo la chemioterapia, le cellule staminali vengono restituite al tuo corpo, ripristinando il tuo sistema immunitario e la capacità del tuo corpo di produrre globuli e combattere le infezioni.
  • Trapianto allogenico. Le cellule staminali per un trapianto allogenico provengono da un'altra persona, chiamata donatore. Le cellule staminali del donatore vengono somministrate al paziente dopo che il paziente è stato sottoposto a chemioterapia e/o radioterapia.
  • Trapianto di sangue del cordone ombelicale. In questo tipo di trapianto vengono utilizzate cellule staminali del sangue del cordone ombelicale, che viene donato dopo il parto.
  • Trapianto genitore-figlio e trapianto aplotipo non corrispondente. Le cellule di un genitore, figlio, fratello o sorella non hanno sempre una corrispondenza perfetta (circa al 50%).

A chi serve

Un trapianto di midollo osseo può servire a chi si è sottoposto ad alte dosi di chemioterapia o radioterapia o a chi ha il midollo malato o danneggiato o soffre di alcune malattie:

  • Leucemia acuta
  • Adrenoleucodistrofia
  • Anemia aplastica
  • Sindromi da insufficienza midollare
  • Leucemia cronica
  • Emoglobinopatie
  • Linfoma di Hodgkin
  • Deficit immunitari
  • Errori congeniti del metabolismo
  • Mieloma multiplo
  • Sindromi mielodisplastiche
  • Neuroblastoma
  • Linfoma non-Hodgkin
  • Disturbi delle plasmacellule
  • Amiloidosi primaria

Rischi

Un trapianto di midollo osseo comporta numerosi rischi, alcuni pericoloseiper la vita. Tra le possibili complicazioni ci sono:

  • Malattia del trapianto contro l'ospite (solo trapianto allogenico)
  • Insuccesso delle cellule staminali
  • Danno d'organo
  • Infezioni
  • Cataratta
  • Infertilità
  • Nuovi tumori
  • Morte

Procedure pre-trapianto

Prima del trapianto dovrai sottoporti a una serie di test e di procedure per valutare la tua salute generale e per assicurarti di essere fisicamente preparato per il trapianto. La valutazione può richiedere diversi giorni o più.

Se è previsto un trapianto utilizzando le tue cellule staminali (trapianto autologo), ti sottoporrai a una procedura chiamata aferesi per raccogliere le cellule staminali del sangue. Prima dell'aferesi, riceverai iniezioni giornaliere di fattore di crescita per aumentarne la produzione e spostare le cellule staminali nel sangue circolante in modo che possano essere raccolte.

Durante l'aferesi, il sangue viene prelevato da una vena e fatto circolare attraverso una macchina. La macchina separa il sangue in diverse parti, comprese le cellule staminali. Queste cellule staminali vengono raccolte e congelate per un uso futuro nel trapianto. Il sangue rimanente viene restituito al tuo corpo.

Raccolta di cellule staminali per trapianto allogenico

Se stai facendo un trapianto utilizzando cellule staminali da un donatore (trapianto allogenico), avrai bisogno di un donatore. Una volta trovato un donatore, le cellule staminali vengono raccolte da quella persona per il trapianto. Possono provenire dal sangue o dal midollo osseo del donatore. Un altro tipo di trapianto allogenico utilizza le cellule staminali del sangue del cordone ombelicale (trapianto di sangue del cordone ombelicale).

Fase di condizionamento

Dopo aver completato i test e le procedure pre-trapianto, inizi una fase nota come condizionamento, durante cui ti sottoporrai a chemioterapia e possibilmente a radiazioni per:

  • Distruggi le cellule tumorali se sei in cura per un tumore maligno
  • Sopprime il tuo sistema immunitario
  • Prepara il midollo osseo per le nuove cellule staminali

Come avviene il trapianto

Il giorno del trapianto, le cellule staminali vengono infuse nel tuo corpo attraverso un catetere venoso centrale o da una vena periferica di grosso calibro. È una procedura indolore, durante cui sarai sveglio. Quando le nuove cellule staminali entrano nel tuo corpo, viaggiano attraverso il sangue fino al midollo osseo. Col tempo, si moltiplicano e iniziano a produrre nuovi globuli sani. Di solito ci vogliono diverse settimane prima che il numero di cellule del sangue nel tuo corpo inizi a tornare alla normalità. In alcune persone, potrebbe volerci più tempo.

Nei giorni e nelle settimane successivi al trapianto di midollo osseo, dovrai eseguire degli esami del sangue e altri test per monitorare le tue condizioni. Potresti aver bisogno di medicine per gestire complicazioni, come nausea e diarrea. Potresti anche aver bisogno di trasfusioni periodiche di globuli rossi e piastrine fino a quando il tuo midollo osseo non inizierà a lavorare a pieno regime.

Se per il tuo trapianto sono state utilizzate cellule staminali di un donatore (trapianto allogenico), i medici possono prescrivere farmaci per aiutare a prevenire la malattia del trapianto contro l'ospite e ridurre la reazione del sistema immunitario (farmaci immunosoppressori).

Stile di vita

Dopo il trapianto di midollo osseo, potrebbe essere necessario modificare lo stile di vita. Quali cambiamenti dovrai apportare.

  • Dieta: potrebbe essere necessario studiare un piano nutrizionale ad hoc e seguire una serie di suggerimenti alimentari per controllare gli effetti collaterali della chemioterapia e delle radiazioni, come la nausea. Dovrai consumare più frutta e verdura, cereali integrali. Si consigliano le carni magre, i legumi e i grassi sani, come l'olio d'oliva. Dovrai limitare l'assunzione di sale e di alcol, mentre dovrai evitare pompelmo e succo di pompelmo a causa del loro effetto su un gruppo di farmaci immunosopressori.
  • Sport: l'attività fisica regolare ti aiuta a controllare il peso, rafforzare le ossa, aumentare la resistenza, rafforzare i muscoli e mantenere il cuore sano.
  • Non fumare.

Fonte | Ail; Humanitas

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.