Tumore al polmone non a piccole cellule, come si sviluppa il cancro polmonare più frequente

Il carcinoma polmonare non a piccole cellule rappresenta l’85% dei casi di tumore al polmone: è dunque la neoplasia più comune che colpisce questi organi e se diagnosticato in stadio iniziale può essere curabile.
Valentina Rorato 7 Dicembre 2022
* ultima modifica il 07/12/2022

Il carcinoma polmonare non a piccole cellule è il tipo più comune di carcinoma polmonare. Con questa malattia, a crescita lenta, le cellule tumorali hanno origine nei tessuti polmonari, ma spesso si diffondono ad altre parti del corpo prima della diagnosi.

Tumore al polmone non a piccole cellule

Che cos’è

Il tumore al polmone non a piccole cellule (NSCLC) si verifica quando cellule anomale si formano e si moltiplicano nei tessuti polmonari, incluso bronchi, bronchioli e alveoli. È il più comune tipo di cancro ai polmoni, rappresentando circa l'85% di tutti i casi di cancro ai polmoni.

È importante differenziare tra due macro-tipologie di cancro al polmone:  il carcinoma polmonare a piccole cellule, che ha questo nome perché le cellule tumorali appaiono piccole e rotonde al microscopio, e quello non a piccole cellule, in cui le cellule tumorali sono più grandi. In genere, il primo cresce più rapidamente e per questo motivo quello non a piccole cellule viene spesso diagnosticato dopo che il tumore si è diffuso ad altre aree del corpo. Ecco perché la diagnosi precoce e il trattamento sono così importanti.

Le tipologie

Esistono tre tipi principali di carcinoma polmonare non a piccole cellule:

  • Adenocarcinoma. Questo tipo di cancro ai polmoni si forma nelle cellule che secernono muco e altre sostanze. Di solito si sviluppa nelle parti esterne. L'adenocarcinoma del polmone colpisce soprattutto le persone che fumano o hanno fumato. Ma può svilupparsi anche in persone che non hanno mai fumato. È più probabile che si verifichi in giovane età rispetto ad altri tipi di cancro ai polmoni.
  • Carcinoma a cellule squamose. Si forma solitamente nella parte centrale dei polmoni. È tipicamente associato a una storia di fumo.
  • Carcinoma a grandi cellule. Chiamato anche carcinoma indifferenziato, questo tipo di cancro può formarsi in qualsiasi parte del polmone. È più difficile da trattare perché cresce e si diffonde rapidamente.

Potresti poi sentir parlare anche di carcinoma sarcomatoide e il carcinoma adenosquamoso. Questi sottotipi sono molto meno comuni.

Sintomi

I sintomi di allarme più comuni per il carcinoma polmonare non a piccole cellule includono mancanza di respiro e tosse che non scompare. Possono inoltre manifestarsi:

  • Dolore o disagio toracico
  • Una tosse che non va via o peggiora nel tempo.
  • Problema respiratorio.
  • Sibilo.
  • Tossire sangue.
  • Raucedine.
  • Perdita di appetito.
  • Perdita di peso senza motivo noto.
  • Stanchezza.
  • Difficoltà a deglutire
  • Gonfiore del viso o delle vene del collo.

A volte, il cancro del polmone non causa alcun sintomo e viene scoperto durante le radiografie o gli screening di routine.

Causa

La causa di questo tipo di cancro è sconosciuta. Gli esperti sostengono che una storia di fumo possa aumentare il rischio, così come l’ esposizione all'amianto, a polveri metalliche e minerali, al radon, un gas radioattivo presente in natura, e all’inquinamento dell’aria. Sono considerati fattori di rischio anche la malattia polmonare ostruttiva cronica, la fibrosi polmonare, l’Hiv/aids e la radioterapia al seno e al torace.

Diagnosi

La diagnosi di tumore al polmone non a piccole cellule si basa principalmente su alcuni esami, dalle analisi del sangue alle radiografie al torace, dalle scansioni Tc alla biopsia, dalla citologia dell’espettorato, che  testa un campione di muco espulso dai polmoni con la tosse, alla broncospia. Possono poi essere richieste la toracoscopia, o chirurgia toracica video-assistita (VATS), che consente al tuo team medico di osservare meglio l'interno del torace, e la toracentesi, che consiste nel testare il fluido tra il rivestimento del torace e il polmone.

Cura

La cura, nelle fasi iniziali del tumore, consiste prima di tutto in un intervento chirurgico. A volte, la chirurgia non è un'opzione, soprattutto se il cancro si è diffuso. Altri trattamenti per il carcinoma polmonare non a piccole cellule comprendono l'ablazione con radiofrequenza, la radioterapia, la chemioterapia, la terapia farmacologica mirata e l'immunoterapia. Il recupero dopo il trattamento del cancro ai polmoni è diverso per tutti. Dipende da diversi fattori, tra cui la dimensione e la posizione del tumore, se si è diffuso e la capacità di guarigione del tuo corpo. Alcune persone potrebbero riprendersi in pochi mesi. Per altri, potrebbero volerci anni.

Prevenzione

Posso prevenire il carcinoma polmonare non a piccole cellule? Sebbene non sia possibile prevenire del tutto il cancro ai polmoni, è possibile evitare alcuni fattori di rischio per ridurre le possibilità di sviluppare la malattia. Il fumo è la causa più comune di carcinoma polmonare a piccole cellule e non a piccole cellule.

Prognosi

La prognosi per il tumore al polmone non a piccole cellule non è eccellente. Il tasso di sopravvivenza a cinque anni in stadio iniziale è del 63%. Ciò significa che il 63% delle persone a cui è stata diagnosticata la condizione è ancora vivo cinque anni dopo. Il tasso di sopravvivenza a cinque anni in caso si metastasi ai tessuti vicini è del 35%. È comunque un tumore curabile, soprattutto se la diagnosi è precoce.

Fonti | Istituto dei Tumori di Milano; Airc

Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.