Che cos’è defluvium capillorum e quali sono le cause

La progressiva diminuzione della quantità e dello spessore dei capelli può portare a diradamento e calvizie. Questa condizione è nota come defluvium capillorum e può colpire uomini e donne. Da che cosa dipende?
Valentina Rorato 11 Novembre 2022
* ultima modifica il 20/11/2022

Il defluvium capillorum è una condizione in cui si perdono moltissimi capelli. Tecnicamente si può distingue in effluvio e defluvio: gli effluvi sono le perdite importanti di capelli in un tempo definito, che può essere anche un periodo abbastanza rapido, i defluvi, invece, sono la perdita più lenta e contenuta.

Fasi del capello

Il capello ha un ciclo di vita suddiviso in fasi, che si alternano costantemente e permettono di mantenere folta la chioma. In assenza di una fase, si può verificare un diradamento o calvizie.

  • Anagen: nasce e poi cresce molto rapidamente, perché la papilla dermica e il bulbo sono perfettamente ossidenati. Mediamente dura dai due ai quattro anni per l’uomo e circa 5 anni per la donna. Considera che circa il 90% dei capelli che hai in testa è in anagen.
  • Catagen: raggiunta la crescita massima, sospende le sue funzioni e muore staccandosi dal cuoio capelluto. Questa fase dura circa un paio di mesi ed è caratterizzata dalla mitosi. Il bulbo del capello risale verso la superficie, staccandosi dal follicolo.
  • Telogen: si tratta di una fase in cui capello non è caduto, si trova quindi nel follico pilifero ma ha più uno sviluppo. Dura mediamente 3 mesi e il fusto infisso nel follicolo e alla radice ha una forma a clava.
  • Kenogen: è l’ultima fase o forse la prima. Il follicolo risposa e si prepara ad affrontare un nuovo ciclo.

Defluvium capillorum

Il defluvio o defluvium capillorum è una perdita di capelli irreversibile e può avvenire in fase telogen o anagen.

Defluvio telogen: se si manifesta nella fase telogen, la perdita è moderata ma, purtroppo, non ci sono speranze di ripresa per un nuovo ciclo di rinascita. Di solito chi soffre di questo problema sono coloro che soffrono anche di alopecia androgenetica. I capelli vengono miniaturizzati fino a diventare peli vellus. Questa condizione è spesso collegata anche a stati di iperprolattinemia, anoressia nervosa, sindrome dell'ovaio policistico, neoplasie secernenti androgeni, ipoestrogenismo (menopausa, post-partum, sospensione della pillola anticoncezionale, ecc.) e deficit enzimatico surrenalico.

Defluvio anagen: è una perdita di capelli superiore alla norma. Il diradamento è causato da una progressiva perdita di follicoli, che vengono distrutti a causa di una malattia. Si può dire quindi che il defluvio sia un sintomo o conseguenza.

Considera che in condizioni normali, una persona perde ogni giorno perdiamo tra i 50 e gli 80 capelli, che vengono sostituiti da altrettanti nuovi. I capelli che cadono, infatti, lasciano il posto ad una nuova fase anagen nello stesso follicolo pilifero e l’avvio di un nuovo ciclo di vita del capello, che dura mediamente tra 2 e 7 anni.

Cause

Come anticipato il telogen defluvio può essere causato nell’uomo da alopecia frontoparietale e alopecia androgenetica; nelle donne, invece, potrebbe essere il risultato di una forma di alopecia androgenetica ereditaria,  post-menopausa, alopecia causata da deficit enzimatico surrenale e da altri squilibri ormonali o per patologie.

Il defluvio anagen ha, invece, cause patologiche che provocano la distruzione dei follicoli piliferi, tra i quali il lichen planus, la sclerodermia, la follicolite decalvante, il lupus eritematoso discoide, la pseudoarea di Broq (una particolare forma di alopecia cicatriziale), la tricomalacia e l'alopecia cicatriziale da radiazioni.

Defluvium post partum

La gravidanza indebolisce denti e capelli. È un luogo comune, ma qualcosa di vero c’è. Infatti, si parla di defluvium post partum ed è la perdita di capelli dopo il parto o durante la fase dell’allattamento. Da che cosa è dovuto? L’aumento degli estrogeni nel periodo gestazione porta un allungamento della fase anagen e ciò porta a capelli più folti, ma dopo il parto la situazione cambia. La diminuzione improvvisa nei livelli di estrogeni causa, nella maggior parte delle donne, una caduta di capelli particolarmente importante. I follicoli sono appena passati in fase telogen, dando inizio al “defluvium post partum”. A questo si aggiunge la produzione di prolattina, che tende a indebolire i capelli.

Fonte | Istituto Giglio; Policlinico Sant'Orsola

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.