dolore-braccio-sinistro

Dolore al braccio sinistro: tutte le cause e quando preoccuparsi di un possibile infarto

Non c’è solo l’attacco cardiaco tra le possibili cause del dolore al braccio sinistro, che può essere provocato anche problemi muscolari, di postura o persino dall’ansia. Scopri a quali sintomi fare attenzione per riconoscere l’infarto e quando rivolgerti al medico.
Alessandro Bai 14 Giugno 2022
* ultima modifica il 22/06/2022

Quando avverti dolore al braccio sinistro, specialmente se si tratta di una fitta intensa e prolungata, potresti subito temere il peggio e pensare all'infarto. La preoccupazione è lecita perché questo è uno dei modi in cui si manifesta un attacco di cuore, ma devi sapere che se non noti anche altri sintomi specifici di cui ti parlerò allora è probabile che la situazione sia molto meno preoccupante di quel che credi.

Le possibili cause del dolore al braccio sinistro sono davvero tante e comprendono sia disturbi che possono essere confusi per un infarto, come l'angina pectoris, ma anche problemi di tutt'altro tipo, ad esempio di tipo nervoso, muscolare o traumatico.

Perché fa male il braccio sinistro?

All'interno del braccio sinistro, così come nell'arto superiore destro, si trovano diverse strutture, ad esempio ossa, tendini, legamenti, muscoli, tessuti e vene: se anche una qualsiasi di queste componenti è colpita da problemi come traumi, lesioni o infiammazioni, allora potresti avvertire un dolore al braccio sinistro che può essere acuto, lieve, oppure simile a un formicolio. Pensa ad esempio al dolore che senti nel punto del braccio, solitamente vicino alla spalla, dove ti viene fatta l'iniezione quando ricevi un vaccino, anche giorni dopo la sua somministrazione.

Vista la posizione del cuore, potresti pensare che una fitta dolorosa che si irradia al braccio sinistro abbia per forza un'origine cardiaca, ma non è detto che si tratti di un infarto. Anche l'angina pectoris ha sintomi simili all'attacco cardiaco, ma al contrario di quest'ultimo tende a guarire velocemente con un po' di riposo.

Riconoscere le caratteristiche del dolore al braccio sinistro è importante per escludere l'infarto, cioè la possibilità più grave, e per capire se magari hai subito una frattura ossea, uno stiramento muscolare o se sei semplicemente rimasto in una posizione sbagliata troppo a lungo.

Non devi sottovalutare nemmeno le situazioni di stress o ansia intensa, che possono provocare dolore anche all'arto superiore facendo irrigidire i muscoli e le articolazioni.

dolore-braccio-sinistro-sintomi
Il dolore al braccio sinistro può essere causato da traumi o lesioni tendini, muscoli o legamenti, ma anche da stress e ansia.

Sintomi

Il dolore al braccio sinistro può manifestarsi con diverse caratteristiche. La sensazione di dolenzia può essere forte, lieve, pulsante, interessare solo una parte specifica del braccio oppure estendersi lungo tutto l’arto.

Di norma, il dolore non dovrebbe avere un'origine cardiaca se:

  • Si presenta come una fitta dolorosa che dura solo pochi secondi
  • Lo avverti solo quando compi un movimento specifico con il braccio sinistro
  • È localizzato in zone specifiche come il gomito o la spalla
  • Non è accompagnato ad altri sintomi

Se il dolore al braccio sinistro somiglia ad un formicolio, e non ci sono altri sintomi, la causa potrebbe essere dovuta a problemi ai nervi o problemi posturali, magari perché hai dormito tutta la notte sopra il braccio. Se oltre al formicolio avverti anche un certo intorpidimento questo potrebbe essere dovuto a un disturbo cervicale: in questo caso il problema parte dal collo e poi si estende a spalle, braccia e mani.

Quando preoccuparsi

Una sensazione dolorosa all'arto superiore può essere sintomo di un attacco cardiaco, ma non se si verifica da solo. In caso di infarto, il dolore al braccio sinistro è accompagnato solitamente da sintomi come bruciore, senso di oppressione e dolore al petto, ma non solo. Fai attenzione anche a segni come il fiato corto, nausea, vomito, sudorazione intensa, vertigini o a un dolore che si irradia anche fino alla schiena e al collo.

Se durante un infarto avverti dolore al braccio sinistro è perché sia i nervi del cuore che quelli del braccio scambiano segnali con le cellule cerebrali, che faticano a capire l'origine esatta di questa sensazione, dando vita ad un fenomeno che viene chiamato "dolore riferito".

In questi casi, è importante chiamare un'ambulanza o recarsi subito al pronto soccorso più vicino, lo stesso che dovresti fare in caso di frattura, che potrai riconoscere, oltre che dal dolore intenso, anche da una posizione innaturale dell'arto.

dolore-braccio-sinistro-infarto
Quando è sintomo di infarto, il dolore al braccio sinistro è accompagnato da altri sintomi, come bruciore e dolore al petto.

Cause

Se non è accompagnato ai sintomi che segnalano un possibile infarto, il dolore al braccio sinistro può dipendere da una delle seguenti cause:

  • Angina pectoris: si tratta di una sindrome causata da un’ischemia miocardica: per un periodo breve (pochi minuti), diminuisce il flusso di sangue verso il cuore, come avviene per l’infarto. Si può quindi avvertire un senso di oppressione al petto e difficoltà a respirare accompagnato da dolore al braccio.
  • Artrosi cervicale: si tratta di un disturbo che interessa le vertebre del collo e può causare dolore al braccio sinistro.
  • Attacchi di panico: questi episodi possono causare sintomi simili all’attacco di cuore, tra cui appunto il dolore al braccio sinistro
  • Problemi di circolazione sanguigna
  • Contratture muscolari
  • Postura errata
  • Lesioni muscolari (contratture, strappi o stiramenti muscolari)
  • Problemi al sistema nervoso periferico
  • Traumi
  • Borsite del gomito
  • Tendiniti
  • Tumore al seno
  • Lesioni alla cuffia dei rotatori: si tratta di un apparato composto da muscoli. tendini che consente alla spalla di compiere i suoi movimenti. In caso di problemi a questo complesso, si può avvertire dolore al braccio.
  • Ernia del disco
  • Iniezione di un vaccino

C’è poi una patologia particolare che ha tra i suoi sintomi il dolore al braccio sinistro: è la sindrome dello stretto toracico superiore, causata dalla compressione delle arterie che si trovano nello “stretto toracico”, l’area compresa tra la prima costola e la spalla.

Cosa fare

Cosa fare a casa dipende molto dal tipo di dolore e dalla causa scatenante. Se pensi di avere un braccio o un polso rotto, applica impacchi di ghiaccio sulla zona interessata e usa una fascia per tenere fermo il braccio fino a quando non raggiungerai il pronto soccorso.

Se hai un nervo compresso o una lesione da sforzo ripetitivo, devi fare attenzione alla postura, probabilmente riposare (ovvero prendere una pausa delle attività) e mettere del ghiaccio. In caso di gonfiore, devi tenere il braccio sollevato per drenare i liquidi e migliorare la circolazione.

Cura

Il trattamento del dolore al braccio sinistro dipende chiaramente dalla causa. Si possono usare antidolorifici non steroidei (FANS), farmaci cortisonici ed esercizi di fisioterapia. Se non siamo in presenza di infarti o attacchi di cuore, possono essere utili anche impacchi di ghiaccio, bendaggi o tutori. Se dopo questi trattamenti primari il dolore persiste, è bene parlarne con il proprio medico.

Sempre a seconda della causa che ha provocato il dolore al braccio sinistro, si possono anche tentare massaggi, ginnastica posturale o altre tecniche che possono ridurre l’infiammazione, come la tecarterapia, la ionoforesi e la laserterapia.

Fonte| Studio FisioMedical

(Pubblicato da Angelica Giambelluca il 25-5-2020
Modificato da Alessandro Bai il 14-6-2022) 

Contenuto validato dal Comitato Scientifico di Ohga
Il Comitato Scientifico di Ohga è composto da medici, specialisti ed esperti con funzione di validazione dei contenuti del giornale che trattano argomenti medico-scientifici. Si occupa di assicurare la qualità, l’accuratezza, l’affidabilità e l’aggiornamento di tali contenuti attraverso le proprie valutazioni e apposite verifiche.
Le informazioni fornite su www.ohga.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.